LA CINA, L’ISLAM E I MUSULMANI

3 – Diplomatici smentiscono le menzogne di alcuni media occidentali. Oltre la fake news, e la falsa propaganda occidentale, la vera storia e la vera attualità della religione islamica e della minoranza degli uiguri

L’ambasciatore iraniano in Cina, Mohammad Keshavarz-Zadeh, ha testimoniato che non c’è alcuna persecuzione dei musulmani in Cina. “Come musulmano, ho pregato nella moschea. Ho visto che le persone sono libere di praticare le loro attività religiose”, ha dichiarato l’ambasciatore, aggiungendo che le moschee sono molto pulite e confortevoli.

L’ambasciatore iraniano in Cina, Mohammad Keshavarz-Zadeh, ha testimoniato che non c’è alcuna persecuzione dei musulmani in Cina. “Come musulmano, ho pregato nella moschea. Ho visto che le persone sono libere di praticare le loro attività religiose”, ha dichiarato l’ambasciatore, aggiungendo che le moschee sono molto pulite e confortevoli.

.

Dal 30 marzo al 2 aprile, una delegazione composta dai diplomatici di circa 21 paesi ha visitato lo Xinjiang, e ha riferito che la regione gode di un ottimo sviluppo economico, e non vi è alcuna persecuzione dei musulmani e della pratica religiosa islamica.

Questa che trovate nel link è la traduzione dell’articolo pubblicato da CGTN, dove potrete trovare anche il link all’originale in inglese, ed altri articoli sull’argomento: