Disse Luqman2

  • QUESTE SONO PAROLE D’IDDIO, Sura XXXI – Ayàt 18-19:

وَلاَ تُصَعِّرْ خَدَّكَ لِلنَّاسِ وَلاَ تَمْشِ فِي الأَرْضِ مَرَحًا إِنَّ اللَّهَ لاَ يُحِبُّ كُلَّ مُخْتَالٍ فَخُورٍ.18
وَاقْصِدْ فِي مَشْيِكَ وَاغْضُضْ مِنْ صَوْتِكَ إِنَّ أَنكَرَ الأَصْوَاتِ لَصَوْتُ الْحَمِيرِ.19

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    Non far agli uomini la faccia sprezzante e non camminare tronfio sulla terra. In verità, Allàh non ama un tronfio insolente!(18)
    Sii modesto nel tuo camminare e abbassa la tua voce. In verità, la più sgradevole delle voci è, certamente, la voce degli asini!(19)

007

Disse Luqman

  • QUESTE SONO PAROLE D’IDDIO, Sura XXXI – Ayah 17:

يَابُنَيَّ أَقِمْ الصَّلاَةَ وَأْمُرْ بِالْمَعْرُوفِ وَانْهَ عَنْ الْمُنكَرِ وَاصْبِرْ عَلَى مَا أَصَابَكَ إِنَّ ذَلِكَ مِنْ عَزْمِ الأُمُورِ.17

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    O figlio mio, esegui l’adorazione (quotidiana), ordina il bene, proibisci il male e sopporta con pazienza ciò che ti affligge! In verità, ciò appartiene alla fermezza.(17)

056

Le feste del musulmano

Nel nome di Allàh,
il Sommamente Misericordioso 
il Clementissimo.

Eccellenti Fratelli e Sorelle nell’Islàm,
unicamente Allàh, l’Altissimo, ha titolo esclusivo per esser Destinatario di Lode, per cui soltanto a Lui, noi, suoi servi fedeli, la lode innalziamo e solamente a Lui, l’Onnipotente, rivolgiamo l’invocazione di soccorso nel bisogno. Soltanto a Lui, il Misericordioso il Clementissimo, va il nostro ringraziamento per le innumerevoli grazie che egli effonde su noi e solamente a Lui chiediamo protezione dalle nostre passioni e dalle nostre trasgressioni. Soltanto a Lui noi chiediamo perdono e solamente a Lui noi chiediamo la guida sul retto sentiero. Infatti solamente chi è guidato da Allàh cammina sul sentiero della rettitudine che a Lui conduce, mentre per colui che Allàh non guida non troverai maestro in grado di portarlo sulla retta via.

Continua a leggere

I credenti deboli

Abū Huràyrah, che Allàh si compiaccia di lui, raccontò che il Profeta, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria, durante il rito di adorazione, invocava Allàh dicendo:

“O Allàh, salva Ayyās figlio di Abū Rabī‛ah, Salāmah figlio di Hishām e al-Walīd figlio di al-Walīd… O Allàh, salva i credenti deboli… O Allàh, scatena la tua potenza sui Mudar e manda loro anni simili agli anni di Yūsuf [il profeta Giuseppe figlio di Isacco, su ambedue la pace]!”. [O come disse in arabo, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria].

Ṣaḥīḥ-al-Bukhārī.

063

Un granello di senape

  • QUESTE SONO PAROLE D’IDDIO, Sura XXXI – Ayah 16:

يَابُنَيَّ إِنَّهَا إِنْ تَكُنْ مِثْقَالَ حَبَّةٍ مِنْ خَرْدَلٍ فَتَكُنْ فِي صَخْرَةٍ أَوْ فِي السَّمَاوَاتِ أَوْ فِي الأَرْضِ يَأْتِ بِهَا اللَّهُ إِنَّ اللَّهَ لَطِيفٌ خَبِيرٌ.16

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    O figlio mio, in verità, quando pure una cosa del peso di un granello di senape fosse in una roccia, o nei cieli o nella terra, Allàh lo troverebbe. In verità, Allàh è il Benevolo, il Bene di tutto informato!(16)

070

I due genitori

  • QUESTE SONO PAROLE D’IDDIO, Sura XXXI – Ayàt 14-15:

وَوَصَّيْنَا الإِنسَانَ بِوَالِدَيْهِ حَمَلَتْهُ أُمُّهُ وَهْنًا عَلَى وَهْنٍ وَفِصَالُهُ فِي عَامَيْنِ أَنْ اشْكُرْ لِي وَلِوَالِدَيْكَ إِلَيَّ الْمَصِيرُ.14
وَإِنْ جَاهَدَاكَ عَلى أَنْ تُشْرِكَ بِي مَا لَيْسَ لَكَ بِهِ عِلْمٌ فَلاَ تُطِعْهُمَا وَصَاحِبْهُمَا فِي الدُّنْيَا مَعْرُوفًا وَاتَّبِعْ سَبِيلَ مَنْ أَنَابَ إِلَيَّ ثُمَّ إِلَيَّ مَرْجِعُكُمْ فَأُنَبِّئُكُمْ بِمَا كُنتُمْ تَعْمَلُونَ.15 

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    Noi abbiamo raccomandato all’uomo i suoi due genitori. Sua madre lo portò in grembo, con indebolimento su indebolimento, ed il suo svezzamento è avvenuto in due anni. “Sii riconoscente a me e ai tuoi due genitori. A Me è l’arrivo.(14) Se i due (genitori) ti fanno guerra, affinché tu associ a Me, ciò di cui tu non hai conoscenza, non obbedire in questo a loro due, resta con buone maniere a loro due vicino in questa vita, ma segui la strada di chi torna a Me pentito. Poi il vostro ritorno è a Me ed Io vi informerò di ciò che facevate.(15)

072

Esegui il rito di adorazione

‘Imrān bin Ḥusàyn, che Allàh si compiaccia di lui, disse: L’Apostolo di Allàh, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria, disse:

“Esegui il rito di adorazione stando in piedi, se non puoi eseguirlo stando in piedi, eseguilo, stando seduto; e se anche stando seduto non sei in grado di eseguirlo, eseguilo stando su un fianco!”. [O come disse in arabo, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria].

Al-Bukharī.

073

Una trasgressione sacrilega

  • QUESTE SONO PAROLE D’IDDIO, Sura XXXI – Ayah 13:

وَإِذْ قَالَ لُقْمَانُ ِلأَبْنِهِ وَهُوَ يَعِظُهُ يَابُنَيَّ لاَ تُشْرِكْ بِاللَّهِ إِنَّ الشِّرْكَ لَظُلْمٌ عَظِ.13

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    Disse Luqmān a suo figlio, mentre lo ammoniva: “O figlio mio, non associare (falsi dei) ad Allàh, in verità, l’associazione (ad Allàh di falsi dei) è di certo una trasgressione sacrilega!“(13)

064