Condanniamo tutti i barbarici atti terroristi

con particolare riferimento all’abominevole uccisione del prete in Francia

Condanniamo, con tutte le nostre forze, tutti i barbarici atti terroristi del passato, del presente (con particolare riferimento all’abominevole uccisione del prete in Francia), e del futuro. Con altrettanza forza esprimiamo tutto il nostro dolore e tutta la nostra solidarietà alle famiglie delle vittime.

Con altrettanza forza, invitiamo tutti i musulmani a manifestare in tutti i modi, fisicamente e sui social, una condanna totale di tutti i terrorismi.

Ma, se possibile, con ancor più forza, invitiamo i lavoratori dell’informazione a sollecitare i governi e le forze dell’ordine a individuare e punire I VERI MANDANTI di queste stragi.

Non crediamo al “gihàd dei pazzi”, per il semplice motivo, talmente semplice che pare nessuno l’abbia notato, che i pazzi non possono impazzire tutti insieme, e per di più simultaneamente in diversi luoghi del pianeta.

Per evitare di risultare monotoni e ripetitivi, ed evitare di essere accusati di essere poco concreti, suggeriamo anche una proposta “operativa”, diretta soprattutto alle forze dell’ordine: bisognerebbe sforzarsi di arrestare questi terroristi VIVI, in maniera da cavarne informazioni. Non crediamo possibile, infatti, che questi terroristi vengano sempre individuati, circondati, e poi inesorabilmente uccisi. Forse si capisce il perché: i morti non possono più parlare.