La notte e il giorno

  • QUESTE SONO PAROLE D’IDDIO, Sura XL-Ayàt 61-62:

اللَّهُ الَّذِي جَعَلَ لَكُمُ اللَّيْلَ لِتَسْكُنُوا فِيهِ وَالنَّهَارَ مُبْصِرًا إِنَّ اللَّهَ لَذُو فَضْلٍ عَلَى النَّاسِ وَلَكِنَّ أَكْثَرَ النَّاسِ لاَ يَشْكُرُونَ.61
ذَلِكُمُ اللَّهُ رَبُّكُمْ خَالِقُ كُلِّ شَيْءٍ لاَ إِلَهَ إِلاَّ هُوَ فَأَنَّا تُؤْفَكُونَ.62

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    Allàh è Colui che vi ha dato la notte, perchè in essa riposiate e il giorno, perchè vediate chiaramente. In verità, Allàh ha infinite grazie da riversare sugli uomini, ma la maggior parte degli uomini non sono riconoscenti (61). Questo è Allàh, il vostro Signore. Non c’è divinità tranne Lui. Perchè, dunque, vi allontanate? (62).
  • Nota
    Recentemente sono stati identificati in diverse cellule gangliari della retina e denominato dei recettori che svolgono un ruolo essenziale nella sensibilità alla luce e non è da escludere che essi partecipino al complesso orologio interno, l’orologio circadiano, l’orologio attraverso il quale l’uomo percepisce senza accorgersene la successione della notte e del giorno, alternando sonno [riposo] e veglia.

046