Il rifiuto di credere

  • QUESTE SONO PAROLE D’IDDIO, Sura XLVII – Ayàt 1-2:

الَّذِينَ كَفَرُوا وَصَدُّوا عَنْ سَبِيلِ اللَّهِ أَضَلَّ أَعْمَالَهُمْ .1
وَالَّذِينَ آمَنُوا وَعَمِلُوا الصَّالِحَاتِ وَآمَنُوا بِمَا نُزِّلَ عَلَى مُحَمَّدٍ وَهُوَ الْحَقُّ مِنْ رَبِّهِمْ كَفَّرَ عَنْهُمْ سَيِّئَاتِهِمْ وَأَصْلَحَ بَالَهُمْ.2

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    Egli (Allàh) renderà vane le azioni di coloro, i quali rifiutano di credere e distolgono dalla via di Allàh (1), mentre Egli – a coloro che credono e operano il bene, credono a ciò che è stato fatto scendere su Muhàmmad e (credono) che esso (il Sublime Corano) è la verità (proveniente) dal loro Signore – cancellerà le loro malefatte ed emenderà il loro cuore! (2)
  • NOTA
    Il rifiuto di credere alla paternità divina del Sublime Corano e alla missione apostolico-profetica di Muhàmmad, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria e la propaganda contro, per distogliere la gente dall’intraprendere il percorso dell’Islàm, renderà vane ai fini della salvezza dal fuoco le opere materialmente buone dei miscredenti e degli oppositori. Mentre i credenti alla Paternità Divina del Sublime Corano e alla Missione Apostolico-Profetica di Muhàmmad, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria, che non soltanto credono, ma anche mettono in pratica il Corano e la Sunna, riceveranno il perdono delle trasgressioni e i loro cuori saranno emendati.

052