Gettalo, o Mūsā!

  • QUESTE SONO PAROLE D’IDDIO, Sura XX – Ayàt 17/21:

وَمَا تِلْكَ بِيَمِينِكَ يَامُوسَى.17
قَالَ هِيَ عَصَايَ أَتَوَكَّأُ عَلَيْهَا وَأَهُشُّ بِهَا عَلَى غَنَمِي وَلِيَ فِيهَا مَآرِبُ أُخْرَى.18
قَالَ أَلْقِهَا يَامُوسَى.19
فَأَلْقَاهَا فَإِذَا هِيَ حَيَّةٌ تَسْعَى.20
قَالَ خُذْهَا وَلاَ تَخَفْ سَنُعِيدُهَا سِيرَتَهَا الأُولَى .21

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    Ma cosa c’è nella tua mano destra, o Mūsā (Mosè)?” (17) Disse: “Il mio bastone è! Su io mi appoggio, con esso raccolgo foglie per il mio gregge e in esso io ho altre possibilità di utilizzazione!”(18) Disse: “Gettalo, o Mūsā (Mosè)!”(19) Egli lo gettò ed esso è un serpente che guizza. (20) Disse: “Prendilo e non temere! Lo faremo tornare alla sua forma originaria!”(21).
  • Nota
    Sono le ayàt in cui Allàh, rifulga lo splendor della Sua Luce, autentica con il miracolo la Sua Qualità divina di Onnipotente, trasformando un bastone, un rigido elemento vegetale morto in un serpente, un guizzante animale vivente. E compiuto il primo miracolo, compie il secondo, ritrasformando in bastone il serpente. Nessuno, tranne Allàh, rifulga lo splendor della Sua Luce, possiede questo potere.

056