Diranno: “Poveri noi! Questo è il giorno del giudizio”

  • QUESTE SONO PAROLE D’IDDIO, Sura XXXVII – Ayàt 17-21:

أَوَ آبَاؤُنَا الأَوَّلُونَ.17
قُلْ نَعَمْ وَأَنْتُمْ دَاخِرُونَ.18
فَإِنَّمَا هِيَ زَجْرَةٌ وَاحِدَةٌ فَإِذَا هُمْ يَنظُرُونَ.19
وَقَالُوا يَاوَيْلَنَا هَذَا يَوْمُ الدِّينِ.20
هَذَا يَوْمُ الْفَصْلِ الَّذِي كُنتُمْ بِهِ تُكَذِّبُونَ.21

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    Forse che noi (essi dicono) quando, dopo esser morti, siamo polvere e ossa, saremo fatti sorgere (17), o i nostri padri antichi? (18). Di’: “Sì! Voi sarete ammassati!” (19). Soltanto un grido sarà ed essi vedranno! (20). Allora, essi diranno: “Poveri noi, questo è il giorno del giudizio!” (21).
  • Nota
    Istruzione Divina per dare risposta agli agnostici, agli atei, agli evoluzionisti, e in una parola, ai materialisti e ai credenti nelle diverse fiabe dell’aldilà e per confermare ai credenti nella paternità Divina del Sublime Corano e alla Missione apostolico-profetica di Muhàmmad, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria, della verità, per testimonianza divina inattaccabile di falso, della resurrezione e del giorno del giudizio, annunciata da Lui, rifulga lo splendor della Sua Luce, e del Suo Messaggero, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria.

070