I giganti… li conoscevamo gia’!

Adamo (su di lui la Pace) e le scoperte archeologiche

Cuzco, Perù. Mura ciclopiche

Cuzco, Perù. Mura ciclopiche

Recentemente, in molte pubblicazioni stampate e in alcune trasmissioni televisive, tra le quali Voyager e Mistero, si è parlato dei giganti, che sarebbero uomini di statura molto più alta della nostra, vissuti più di diecimila anni fa, e che sarebbero i veri costruttori di molte delle costruzioni più antiche le cui tracce sono ancora visibili in molte località del globo terrestre.

Giustamente, si giustappongono a questi reperti famosi, a cui se ne aggiungono altri scoperti più di recente, alcuni passi della Bibbia, che parlano chiaramente di giganti.

Nessuno, però, né sulla stampa né in televisione, fa mai cenno a un detto del Profeta Muhammad (che IDDIO lo benedica e l’abbia in gloria), peraltro, come sempre, molto preciso, chiaro e circostanziato, che così recita:

Adamo, su di lui la Pace… era alto sessanta cubiti (circa trenta metri, n.d.r.)… morì all’età di mille anni”. O come disse.

Ora, paragoniamo questo insegnamento profetico con le tracce di questi giganti che troviamo in alcuni brani della Bibbia.

In quel tempo vi erano i giganti sulla terra, e ve ne furono anche dopo che i figli di Dio si erano uniti alle figlie degli uomini, e da queste nacquero loro dei figli” (Genesi 6, 4).

 “Ma Caleb cercò di calmare il popolo che mormorava contro Mosè, e disse: – Andiamo pure alla conquista di quel paese; noi lo soggiogheremo di certo -. Gli uomini che c’erano andati con lui, dicevano invece: – Non possiamo salire contro questo popolo: è più forte di noi -. E screditarono presso i figli d’Israele la terra che avevano esplorato, dicendo: “Il paese che abbiamo attraversato per esplorarlo, è un paese che divora i suoi abitanti; e tutta la gente che vi abbiam veduto, son persone di grande statura; anzi vi abbiamo visto anche i giganti, i figli di Anac che sono della razza dei giganti. Di fronte a loro ci pareva d’esser delle locuste; e tali noi sembravamo a loro” (Numeri, 13, 30-33).1

La prima cosa che si nota in questi passi biblici, rispetto allo hadith del Profeta Muhammad (che ALLAH lo benedica e l’abbia in gloria) è la mancanza di una misura precisa, pur nella descrizione chiara di persone di statura notevole. E questo non può essere casuale.

giganti

 La seconda questione è che si parla, in ambito biblico, dell’alta statura come di una caratteristica propria solamente ad una precisa razza umana, quella dei giganti, e non a tutto il genere umano, a partire da Adamo, come invece risulta verosimile dal detto del Profeta (che IDDIO lo benedica e l’abbia in gloria). Peraltro, la descrizione del primo uomo (e primo Profeta d’IDDIO) come risulta dall’insegnamento islamico, è quella di una creatura umana dalla vita molto più lunga di quella attuale (mille anni), e dalla statura molto più alta (trenta metri); quindi, alta statura e vita lunga sono due caratteristiche essenziali che emergono chiaramente come tipiche del primo uomo, e quindi, presumibilmente in modo non troppo dissimile, delle generazioni immediatamente seguenti. Queste caratteristiche sono invece presentate come scisse nella Bibbia, che ci parla sì di uomini vissuti molto a lungo (vi si legge, ad esempio, che Set visse 912 anni, che Enos visse 905 anni, ecc.), ma non di uomini di alta statura, caratteristica che viene invece attribuita ai soli giganti, che appaiono peraltro più tardi nel testo biblico, e vi vengono descritti come una razza a parte.

Come sempre, il diavolo ha fatto la pentola, ma ha dimenticato il coperchio!

Invitiamo dunque i responsabili della stampa e della TV che si occupano di queste problematiche, una volta che tirano in ballo il testo biblico e/o altri testi religiosi, a non trascurare l’insegnamento islamico succitato.

E veniamo alla scienza archeologica. Agli antichi reperti già noti, come le piramidi egizie, Stonehenge, e molti altri, che lasciano presupporre, in assenza di tecnologie moderne, che quelle enormi pietre abbiano potuto essere spostate solo da uomini molto più alti di noi, e dunque molto più forti, si aggiungono più recenti ritrovamenti di scheletri senza dubbio umani, in molte località sulla Terra, ma soprattutto in America Latina, di altezza che variano da tre-quattro metri di altezza, a sei metri, fino a dieci metri. Vi sono poi anche le testimonianze di Erodoto e Omero, riguardo a creature umane di alta statura (i Ciclopi, ed altri).

Stonehenge.

Stonehenge.

Dunque, la scienza odierna anche in questo campo sembra avvicinarsi, all’apparenza molto controvoglia, alle verità espresse molto chiaramente dai testi islamici, e più blandamente dai testi biblici.

 Ma questo i musulmani lo sapevano già…

 Ed ALLAH, rifulga lo splendore della Sua luce, ne sa di più.

1 Le citazioni bibliche sono tratte da La Sacra Bibbia, Edizioni Paoline, Roma, 2000.