Ayatu-l-kursi – framm.7

  • QUESTE SONO PAROLE D’ IDDIO:

وَهُوَ الْعَلِيُّ الْعَظِيمُ…255
Sura II – àyah 255 – frammento 7 (Settima unità di senso)

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    Ed Egli è al-’Alīyyu (l’Altissimo) al-’Aīm (il Sublime).(255)
  • NOTA ESPLICATIVA:
    Sono due dei 99 bellissimi epteti di Allàh, rifulga lo splendor della Sua Luce. Il bellissimo epiteto al-’Alīyyu (l’Altissimo) e il bellissimo epiteto al-’Aīm (il Sublime) occupano rispettivamente il 36° e il 33° posto nel celeberrimo Ḥadīth che recita: “Allàh ha novantanove nomi, cento meno uno. Chi li conosce a memoria e ne mette in pratica il significato nella sua linea di condotta, entrerà in Paradiso”. [O come disse, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria].

 010

Essere veramente credenti

L’Apostolo di Allàh, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria, disse:

Per essere veramente credenti, bisogna: rendere testimonianza che non c’è divinità, tranne Allàh e che io sono veramente Apostolo di Allàh, il Quale mi ha inviato con la Verità; credere nella morte e nella resurrezione dopo la morte e credere nella dipendenza di ogni evento dal decreto divino (al-qàdar).

[O come disse ṣ].
Lo ha riferito Ali bin Abi-Ṭālib [Allàh si compiaccia di lui]
e lo hanno registrato l’ImāmTirmidhī e l’Imām Ibn Māǧah.

Ayatu-l-kursi – framm.6

  • QUESTE SONO PAROLE D’ IDDIO:

ِوَسِعَ كُرْسِيُّهُ السَّمَاوَاتِ وَالأَرْضَ وَلاَ يَئُودُهُ حِفْظُهُمَا…255
Sura II – àyah 255 – frammento 6 (Sesta unità di senso)

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    Il Suo kursìyy  (seggio)  è più vasto dei cieli e della terra, la conservazione dei quali non lo affatica.
  • NOTA ESPLICATIVA:
    Trattasi di immaginosa metafora dell’onnipotenza di Allàh espressa: (1) sia dalla immensità del Suo seggio, la cui ampiezza ha dimensione più vasta  di quella  congiunta dei cieli e della terra;   (2) sia dalla Sua infaticabilità divina, per cui Egli non è menomamente affaticato dalla conservazione dell’universo [la terra + tutto ciò che terra non è ( i cieli).

009

Non generò, né fu generato

L’Apostolo di Allàh, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria, disse:

La gente non cesserà di fare domande fino a quando qualcuno dirà: “Allàh ha creato tutto ciò che esiste, ma Allàh, chi lo ha creato?”. Quando uno ode queste parole deve dire: “Allàh è Uno, è Perfetto. Non generò, né fu generato e nessuno è co-eguale a Lui!”. Ciò detto, si giri verso sinistra tre volte e dica: “Mi rifugio in Allàh, affinché mi protegga da Satana il lapidato”.

[O come disse ṣ].
Lo ha riferito Abū Huràyrah [Allàh si compiaccia di lui]
e lo ha registrato l’imām Abu Dawūd.

Ayatu-l-kursi – framm.5

  • QUESTE SONO PAROLE D’ IDDIO:

ِ يَعْلَمُ ْ مَا بَيْنَ أَيْدِيهِمْ وَمَا خَلْفَهُم وَلاَ يُحِيطُونَ بِشَيْءٍ مِنْ عِلْمِهِ إِلاَّ بِمَا شَاءَ …255
Sura II – àyah 255 – frammento 5 (Quinta unità di senso)

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    Egli sa ciò che è loro davanti e ciò che è loro dietro, mentre nulla essi possiedono di sapere riguardo a Lui, se non ciò che Egli ha voluto far sapere di Sè.
  • NOTA ESPLICATIVA:
    Allàh è l’Onniscente. Egli conosce tutto ciò che esiste e ciò che avviene nell’universo dal momento della creazione fino alla fine del mondo e oltre. Egli conosce di ogni uomo il passato e il futuro, mentre gli uomini non sanno di Lui niente altro che quello che Egli ha voluto far sapere di Sé [attraverso la Rivelazione e l’Insegnamento profetico]. Nessuna creatura umana può conoscere Dio attraverso la propria esperienza in quanto l’uomo può conoscere solo ciò che, essendo esistente, può formare oggetto di esperienza, ma siccome Iddio/Allàh non esiste, ma è l’Ente Creatore dell’Esistente, l’Unica fonte di informazione attendibile è Iddio/ Allàh stesso.

007

E il rospo si tramuto’ in principe…

Come trasformare un fallimento storico in un trionfo, e viceversa

Sylvain Gouguenheim  -
ARISTOTELE CONTRO AVERROE’  -
Ed. Rizzoli

Dipinto d’epoca - Paolo di Tarso e Tommaso d'Aquino confondono Averroè!

Dipinto d’epoca – Paolo di Tarso e Tommaso d’Aquino confondono Averroè! In ossequio al precetto islàmico di divieto di immagini di viventi, abbiamo “decapitato” i viventi raffigurati. Ovviamente, tale decapitazione negli originali non esiste. E chiediamo perdono ad ALLAH.

 

E’ ampiamente risaputo come il Medioevo cristiano fosse, da un punto di vista della cultura e della civilizzazione, decisamente arretrato e caratterizzato da intrinseca barbarie, se paragonato al contemporaneo mondo islamico.

Continua a leggere

Chi ha creato Allah?

L’Apostolo di Allàh, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria, disse:

La gente non cesserà di far domande [sulle realtà del creato e non cesserà di rispondere: “Lo ha creato Allàh!”] fino a quando viene fatta questa domanda: “Ma chi ha creato Allàh?”. A questa domanda il domandato ha da rispondere: “Āmantu bi-llāhi wa rasūli-Hi” [Credo in Allàh e nel Suo Apostolo].

Lo ha riferito Abū Huràyrah [Allàh si compiaccia di lui]
e lo hanno registrato l’Imām al-Bukhārī e l’Imām Muslim.

006

Ayatu-l-kursi – framm.4

  • QUESTE SONO PAROLE D’ IDDIO:

مَنْ ذَا الَّذِي يَشْفَعُ عِنْدَهُ إِلاَّ بِإِذْنِهِ …255
Sura II – àyah 255 – frammento 4 (Quarta unità di senso)

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    Chi mai presso di Lui intercede, se non con il Suo permesso?
  • NOTA ESPLICATIVA:
    I confezionatori di religioni, nella loro costruzione diabolica del “divino” a immagine e somiglianza dell’uomo, raggirano i creduli  convincendoli che ci siano creature intermedie tra l’uomo e il “divino”; creature alle quali si deve chiedere di intercedere presso l’Onnipotente [leggi: la raccomandazione!]. Da cui il proverbio italiano “avere dei santi in paradiso”. Allàh, rifulga lo splendor della Sua Luce, e solo nel Giorno del Giudizio, darà a chi Egli vuole il permesso di intercessione!

 005

La fornicazione

L’Apostolo di Allàh, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria, disse:

Quando il servo di Allàh fornica, per tutto il tempo della fornicazione la fede esce da lui e si ferma al di sopra della sua testa come un’ombra. Quando si ritrae da questa azione la fede rientra in lui.

[O come disse ṣ].
Lo ha riferito Abū Huràyrah [Allàh si compiaccia di lui]
e lo ha registrato l’Imām Tirmīdhī e l’Imām Abū Dawūd.

004

BOICOTTIAMO!
I prodotti che
i musulmani NON devono comprare

sfondopopup