Il peccato danneggia il suo autore

  • QUESTE SONO PAROLE D’ IDDIO, Sura IV – Ayàt 110-111:

وَمَنْ يَعْمَلْ سُوءًا أَوْ يَظْلِمْ نَفْسَهُ ثُمَّ يَسْتَغْفِرِ اللَّهَ يَجِدِ اللَّهَ غَفُورًا رَحِيمًا.
110

وَمَنْ يَكْسِبْ إِثْمًا فَإِنَّمَا يَكْسِبُهُ عَلَى نَفْسِهِ وَكَانَ اللَّهُ عَلِيمًا حَكِيمًا.111

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    Chi fa del male, nuocendo a se medesimo, se, poi, chiede il perdono di Allàh, troverà Allàh perdonatore e clementissimo.(110) Chi commette un peccato non lo commette che contro se stesso e Allàh è sciente e sapiente.(111)

062

Il darwinismo e la pistola inesistente

La prova decisiva della teoria evoluzionista non c’è mai stata

Charles Darwin

Charles Darwin

La tesi centrale della teoria evoluzionista, riguardante tutte le specie viventi, era che una specie si trasforma in un’altra per mezzo della cosiddetta (e a tutt’oggi misteriosa) selezione naturale, mediante una serie di cambiamenti che avvengono per caso e per necessità. Dunque, in assenza di qualsivoglia progetto, o guida.

Continua a leggere

Lotta continua

Imràn bin Husàyn (che Allàh sia compiaciuto di lui) raccontò. Disse, un giorno, l’Apostolo di Allàh, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria:

“Una parte del mio popolo [della Comunità muhammadica] non cesserà di combattere per la Verità e vincere coloro che la combattono, fino a quando quella parte dell’ultima generazione combatterà contro lo Pseudo-Messia [ad-daggiāl]!” [O come disse].

Lo ha riferito Abū Dawūd.

061

Benefici dell’emigrazione per la causa di Allàh nella vita terrena e nella vita futura

  • QUESTE SONO PAROLE D’ IDDIO, Sura IV – Ayah 100:

وَمَنْ يُهَاجِرْ فِي سَبِيلِ اللَّهِ يَجِدْ فِي الْأَرْضِ مُرَاغَمًا كَثِيرًا وَسَعَةً وَمَنْ يَخْرُجْ مِنْ بَيْتِهِ مُهَاجِرًا إِلَى اللَّهِ وَرَسُولِهِ ثُمَّ يُدْرِكْهُ الْمَوْتُ فَقَدْ وَقَعَ أَجْرُهُ عَلَى اللَّهِ وَكَانَ اللَّهُ غَفُورًا رَحِيمًا.100

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    Chiunque emigri per la causa di Allàh troverà sulla terra numerose vie d’uscita spaziose. Chi abbandona la sua casa per emigrare verso Allàh e l’Apostolo di Lui e la morte lo colpisce, la sua ricompensa è a carico di Allàh, infatti Allàh è perdonatore e clementissimo.(100)   

060

Tre cose non vengono mai meno

Zayd bin Thābit (che Allàh sia compiaciuto di lui) raccontò. Disse un giorno l’Apostolo di Allàh, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria:

“Sono tre le cose che non vengono mai meno nel cuore di un Musulmano: la sincerità nel lavorare per la causa di Allàh; il sentimento del dovere di ammonire i Musulmani, la partecipazione alla loro unità compatta, perché il chiamarli [all’osservanza del codice di vita islamico] li terrà uniti!”.   [O come disse]

Lo ha riferito Muslim.

059

Destino infausto dell’omicida

  • QUESTE SONO PAROLE D’ IDDIO, Sura IV – Ayah 93:

وَمَنْ يَقْتُلْ مُؤْمِنًا مُتَعَمِّدًا فَجَزَاؤُهُ جَهَنَّمُ خَالِدًا فِيهَا وَغَضِبَ اللَّهُ عَلَيْهِ وَلَعَنَهُ وَأَعَدَّ لَهُ عَذَابًا عَظِيمًا. 93

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    Chi uccide un credente intenzionalmente ha come ricompensa la giahànnam, nella quale rimarrà in eterno; egli incorre nell’ira di Allàh, che lo maledice e prepara per lui un castigo tremendo.(93)  

058

Paternità Divina del Sublime Corano

  • QUESTE SONO PAROLE D’ IDDIO, Sura IV – Ayah 82:

أَفَلاَ يَتَدَبَّرُونَ الْقُرْآنَ وَلَوْ كَانَ مِنْ عِنْدِ غَيْرِ اللَّهِ لَوَجَدُوا فِيهِ اخْتِلاَفًا كَثِيرًا. 82

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    Non riflettono sul Corano? Se esso provenisse da altri che Allàh, certamente troverebbero in esso molte contraddizioni.(82) 

056

Il migliore dei musulmani

Abdullàh bin Amr (che Allàh sia compiaciuto di lui) raccontò. Un giorno un uomo chiese all’Apostolo di Allàh, Allàh lo benedica e l’abbia in gloria: “Chi è il migliore dei musulmani?”. L’Apostolo di Allàh, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria, rispose:

“Colui dalla mano e dalla lingua del quale i musulmani non hanno nulla da temere!” [O come disse in tal senso].

Lo hanno riferito al-Bukhārī e Muslim.

057

Il criterio dell’interpretazione

  • QUESTE SONO PAROLE D’ IDDIO, Sura IV – Ayah 59:

يَا أَيُّهَا الَّذِينَ آمَنُوا أَطِيعُوا اللَّهَ وَأَطِيعُوا الرَّسُولَ وَأُوْلِي الأَمْرِ مِنْكُمْ فَإِنْ تَنَازَعْتُمْ فِي شَيْءٍ فَرُدُّوهُ إِلَى اللَّهِ وَالرَّسُولِ إِنْ كُنتُمْ تُؤْمِنُونَ بِاللَّهِ وَالْيَوْمِ الآخِرِ ذَلِكَ خَيْرٌ وَأَحْسَنُ تَأْوِيلاً. 59

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    O voi che credete, obbedite ad Allàh, obbedite all’Apostolo e a coloro di voi che hanno l’autorità (islamica)! Se non siete d’accordo su qualcosa – se siete credenti in Allàh e nell’ultimo giorno – rimettete la decisione ad Allàh e all’Apostolo. Per l’interpretazione questo è meglio e più giusto.(59) 

056

famiglia_popup

Cliccate su: www.no-gender.it
Cultura, informazione e lotta contro l’ideologia gender.
Per difendere i nostri figli.

BOICOTTIAMO!
I prodotti che
i musulmani NON devono comprare