I ben guidati

  • QUESTE SONO PAROLE D’ IDDIO, Sura II – Ayàt 156-157:


الَّذِينَ إِذَا أَصَابَتْهُمْ مُصِيبَةٌ قَالُوا إِنَّا لِلَّهِ وَإِنَّا إِلَيْهِ رَاجِعُونَ. 156
أُوْلَئِكَ عَلَيْهِمْ صَلَوَاتٌ مِنْ رَبِّهِمْ وَرَحْمَةٌ وَأُوْلَئِكَ هُمْ الْمُهْتَدُونَ. 157

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    Su coloro i quali, quando una sventura li colpisce, dicono: ‘‘In verità, apparteniamo ad Allàh e, in verità, a Lui noi facciamo ritorno!”, (156) (scendono) benedizioni e misericordia da parte del loro Signore! Quelli sono i ben guidati.(157)

044

La compagnia di Allàh, gloria a Lui l’Altissimo

  • QUESTE SONO PAROLE D’ IDDIO, Sura II – Ayah 153:


يَا أَيُّهَا الَّذِينَ آمَنُوا اسْتَعِينُوا بِالصَّبْرِ وَالصَّلاَةِ إِنَّ اللَّهَ مَعَ الصَّابِرِينَ. 153

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    O voi che credete, chiedete soccorso alla pazienza e al rito d’adorazione! In verità, Allàh è con i pazienti.(153)

042

La qualità divina è incondivisa

  • QUESTE SONO PAROLE D’ IDDIO, Sura II – Ayàt 116-117:


وَقَالُوا اتَّخَذَ اللَّهُ وَلَدًا سُبْحَانَهُ بَلْ لَهُ مَا فِي السَّمَاوَاتِ وَالأَرْضِ كُلٌّ لَهُ قَانِتُونَ.116
بَدِيعُ السَّمَاوَاتِ وَالأَرْضِ وَإِذَا قَضَى أَمْرًا فَإِنَّمَا يَقُولُ لَهُ كُنْ فَيَكُونُ.117

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    Essi [I CRISTIANI] dicono: ‘‘Allàh ha preso un figlio!”. No! La Sua qualità divina è incondivisa. Anzi, a Lui appartiene ciò che esiste nei cieli e sulla terra e tutti Gli sono sottomessi. (116) Egli è il Creatore dei cieli e della terra e quando ha deciso una cosa dice ad essa: ‘‘Esisti!”. Ed essa si produce.(117)
  • Nota
    Allàh è Uno, Unico Uni-Personale, ad eccezione di Lui, che è l’ESSENTE, caratterizato dalla INSEITÀ, tutto il resto è L’ESISTENTE [DA LUI CREATO], caratterizzato dalla ABALIETÀ.

038

La testimonianza è salvezza

Othmān (che Allàh sia compiaciuto di lui) raccontò. Disse un giorno l’Apostolo di Allàh, Allàh lo benedica e l’abbia in gloria:

“Chi accetta da me una parola che fu rifiutata da mio zio [Abū Ṭālib] sarà salvo!”. [o come disse]

Lo ha riferito Ahmad.

NOTA
Il Profeta, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria, disse allo zio Abu Ṭālib, che era sul letto di morte: “O Zio, di’: “Rendo testimonianza che non c’è divinità, tranne Allàh e che Muhàmmad è Apostolo di Allàh”. Lo zio non rese testimonianza per rispetto umano, essendo presenti dei notabili della Mecca. Morì e il Profeta, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria, soffrì. Allàh fece scendere la rivelazione:
“Non sei tu che guidi chi ami! È Allàh che guida chi Egli vuole!”.

037

BOICOTTIAMO!
I prodotti che
i musulmani NON devono comprare

sfondopopup