Le buone e le cattive azioni

Ibn Abbas, che Allàh si compiaccia di lui, riferì che tra gli insegnamenti che l’Apostolo di Allàh, Allàh lo benedica e l’abbia in gloria, ricevette dal suo Signore, rifulga lo splendor della Sua Luce, ce n’è uno che dice:

“Allàh ha scritto le buone e le cattive azioni e poi ha così spiegato: Chi si propone di compiere una buona azione e non la compie, Allah ne tiene conto come se fosse un’azione buona completa; chi si propone di compierla e la compie, Allah ne tiene conto da dieci a settecento volte tanto, e molto di più. Chi si propone di compiere una cattiva azione e non la compie, Allah ne tiene conto come se fosse una buona azione completa; ma chi si propone di compierla e la compie, Allah ne tiene conto come una cattiva azione!”. [O come disse in arabo, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria].

Lo hanno registrato Al-Bukhārī e Muslim.

073