Gente che diffamava e calunniava

Anas (che Allàh sia compiaciuto di lui) raccontò. Disse un giorno l’Apostolo di Allàh, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria:

“Quando il mio Signore mi fece ascendere in cielo, passai da un luogo nel quale c’era della gente che aveva le unghie di rame con le quali si dilaniava la faccia e il petto. Chiesi a Gibrīl: <Chi sono?>. Mi rispose:<E’ gente che diffamava e calunniava>!”. [O come disse in arabo, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria].

Lo ha riferito Abū Dawūd.

075