Archivi categoria: Costume e società

A Saronno è morta l’umanità

Tutti sapevano, nessuno parlava.

Pubblichiamo questo post del Popolo della Famiglia di Como, apparso su Facebook. Di fronte ad un fatto recente di cronaca, tanto orribile quanto emblematico dei tempi che viviamo, condividiamo l’indicazione a costruire una società tutta nuova basata sui valori della famiglia. Invitiamo tutti i lettori a condividere e diffondere il più possibile.

-O-

Leonardo Cazzaniga e Laura Taroni, accusati di un numero imprecisato di omicidi, all’interno dell’Ospedale di Saronno.

Leonardo Cazzaniga e Laura Taroni, accusati di un numero imprecisato di omicidi, all’interno dell’Ospedale di Saronno.

.

Applicava il cosiddetto protocollo Cazzaniga. E io ho avuto modo di assistere alle sue terapie che consistevano nella sistematica e deliberata somministrazione di anestetici o sedativi in dosaggi o combinazioni tali da provocare o accelerare il decesso”.

Queste le parole dell’infermiera Clelia Leto, la prima infermiera a presentarsi alla Procura di Busto Arsizio per denunciare i misfatti degli “amanti killer”. Era il 20 giugno 2014. Sono passati più di due anni per arrivare agli arresti. I tempi ignobilmente lunghi della giustizia italiana. E chissà se indagini più rapide avrebbero potuto salvare qualche vita umana.

L’ospedale di Saronno.

L’ospedale di Saronno.

.

Si indaga su OTTANTA morti sospette, all’Ospedale di Saronno. Tutti sapevano, nessuno parlava. C’è anche una dottoressa, in scadenza di contratto, che avrebbe minacciato di rendere pubblico lo scandalo se non fosse stata assunta. Ed infatti, è stata in seguito assunta, con un concorso creato apposta per lei.

Qualcuno afferma che sarebbe riduttivo parlare solo di una “coppia di amanti diabolici” (Leonardo Cazzaniga e Laura Taroni) e che bisognerebbe indagare in ambito esoterico-satanico, viste le apparenti molteplici complicità.

In tutti casi, siamo davanti al peggio del peggio. Persone che si sentono Dio, che decidono sulla morte di altre persone con una puntura, con motivazioni non sempre chiare. La donna ne parlava anche coi figli, dicendo a uno di loro frasi di questo tipo: “L’omicidio perfetto è quello farmacologico, che permette di uccidere senza lasciare tracce”. E siccome il piccolo (età DIECI ANNI!) fa domande, lei aggiunge: “Tua nonna è cardiopatica, basta pocoTua zia invece è un problema, non è malata… Tua nonna Maria non vuole essere cremata, quindi è un corpo che può essere riesumato e quindi da lì possono tirare fuori un sacco di cose, capito? E’ per questo che l’omicidio va pensato”. E, sempre lei, avrebbe detto una volta al Cazzaniga: “Vuoi che elimino anche i miei figli?”.

Ora, attendiamo il processo. Ma comunque, setta satanica o no, qui siamo ben oltre la coppia di amanti diabolici. Qui siamo di fronte ad un numero non ancora definito, ma numericamente non piccolo, di persone coinvolte.

Persone che uccidono, persone che discutono di come uccidere, coinvolgendo i bambini, persone che sanno e non dicono niente, persone che sanno e usano la conoscenza come ricatto per il proprio tornaconto.

Non c’è più alcun tipo di umanità, non c’è più alcun tipo di società. Persone che di umano non hanno più nulla, ed assomigliano sempre più a diavoli. Come dice Papa Francesco, è “la bancarotta dell’umanità”.

E quando si parla di bancarotta, si intende fine definitiva, irrimediabile. Non si può pensare ad emendare, correggere o riformare. La società basata sulla libertà assoluta dell’individuo isolato, E’ FALLITA.

Bisogna cominciare a costruire una società nuova, basata sui valori della famiglia e della solidarietà.

Da zero.

Popolo della Famiglia – Como

Li chiameranno ancora mamma e papà?

La conferenza dell’avvocato Gianfranco Amato a Novedrate

Un momento della conferenza.

Un momento della conferenza.

 .

Presentiamo qui il video della conferenza tenuta dall’avvocato Gianfranco Amato, presidente di “Giuristi per la Vita” e segretario nazionale del “Popolo della Famiglia”, svoltasi a Novedrate il 13/09/16 nel Salone del Municipio.

Il volantino della conferenza.

Il volantino della conferenza.

.

La conferenza ha avuto una coda interessante con le molte domande fatte da molti tra i presenti.

Per vedere la conferenza, cliccate qui.

Bikini e/o burkini – 2

Un lucido intervento di Luigi Copertino

Lo studioso di Diritto e giornalista pubblicista Luigi Copertino.

Lo studioso di Diritto e giornalista pubblicista Luigi Copertino.

.

Pubblichiamo qui un articolo pubblicato da Luigi Copertino sul blog di Maurizio Blondet. E’ un pezzo di rara e semplice saggezza, propria di chi, oltre alla cultura, possiede sensibilità ed equilibrio, datigli da una fede vissuta con profondità connessa a razionalità. Ci siamo permessi di arricchire il testo, decisamente bello e del tutto vestito al tema trattato, con delle immagini e delle nostre didascalie, per farne una specie di trattatello esaustivo sul tema “burkini sì – burkini no”.

 

IL TORMENTONE ESTIVO DEL BURKINI

Di Luigi Copertino – 19 agosto 2016

Solo settant’anni fa una donna che osasse esporsi in spiaggia in bikini – e si trattava di bikini che oggi riterremmo molto castigati – rischiava feroci condanne morali e perfino salate multe amministrative per “oscenità”.

In un Occidente che non sa neanche distinguere, ad esempio, un burqa da un chador (oltretutto entrambi di origini pre-islamiche, dato che il primo fu indossato da Roxane, l’amata consorte battriana, ossia in termini odierni “afghana”, di Alessandro Magno, al momento delle nozze ed il secondo di origine mesopotamica, attestato nell’epoca della dinastia persiana degli Achemenidi, serviva a distinguere la donne di rango dalle prostitute e dalle serve; la Santa Vergine Maria indossò il chador come testimonia ancor oggi l’iconografia mariana), abbiamo assistito, in questi ultimi giorni, al tormentone estivo a proposito del cosiddetto “burkini”, un costume da bagno usato dalle donne islamiche. Un costume integrale, di recente produzione, che copre l’intera persona nel rispetto della pudicizia e della norma coranica per la quale si devono coprire tutte le parti del corpo femminile suscettibili di richiami sessuali e quindi tutto il corpo salvo viso, piedi e mani.

Un modello di burkini sulla spiaggia.

Un modello di burkini sulla spiaggia.

.

Il primo ministro francese, socialista, Manuel Valls, in appoggio a quei sindaci che hanno vietato sulle loro spiagge l’uso del burkini, si è lanciato in una polemica anti-islamica che rivela tutta l’abissale ignoranza del personaggio. Una ignoranza abissale della storia e dell’antropologia religiosa che lo accomuna al nostro Matteo Salvini, capo leghil-populista italiano, esibitosi in analoghe perfomance mediatiche nella speranza di raccogliere voti tra gli italiani più sensibili ai (malintesi) richiami identitari. Più intelligentemente il nostro ministro degli Interni, Alfano, ha evitato di imbarcarsi in inutili quanto strumentali guerre di religione. Da parte cattolica invece, con le dichiarazione di  mons. Galantino segretario generale della Cei, c’è stata una presa di distanza dalle posizioni di Valls e di Salvini, forse anche perché, sotto il profilo morale, non è certo possibile indicare nella maggior parte delle donne occidentali, anche tra le cristiane, un esempio di civiltà da additare al mondo islamico.

Il primo ministro francese, Manuel Valls, ha dichiarato: «Sul ruolo delle donne non possiamo transigere. Marianna, il simbolo della Repubblica, ha il seno nudo, perché nutre il popolo. Non è velata, perché è libera! Questa è la République! Questa è Marianne! È questo quel noi dobbiamo sempre difendere!». Mathilde Larrere, una storica vicina al movimento di contestazione della sinistra anti-governativa Nuit Debout, ha scritto un tweet dando del «cretino» a Valls. «Marianna ha il seno nudo perché è un’allegoria sul modello delle allegorie antiche, senza questo significhi nulla… È solo un codice artistico». Secondo Nicolas Lebourg, «l’uscita di Valls è inesatta. Confonde manifestamente la Marianna con la figura della Libertà che guida il popolo, il dipinto di Delacroix - ha detto a Libération -. Quel quadro è stato realizzato nel 1830 quando invece la figura di Marianna, allegoria della Repubblica, è stata fissata 18 anni più tardi con un concorso nazionale. La regola che vuole che si rappresenti una allegoria secondo il genere della parola fa sì che, dal 1792, la Repubblica era simboleggiata da figure femminili. Ma è solo nel 1848 che un concorso permette di declinare Marianna nei diversi supporti ufficiali. Due tipi si distinguono allora: uno è una Marianna austera, circondata da raggi di sole presi dall’iconografia monarchica. È la Marianna dell’ordine, del conservatorismo, della borghesia. L’altra ha il seno nudo e il berretto frigio e ha un atteggiamento contestatario».

Il primo ministro francese, Manuel Valls, ha dichiarato: «Sul ruolo delle donne non possiamo transigere. Marianna, il simbolo della Repubblica, ha il seno nudo, perché nutre il popolo. Non è velata, perché è libera! Questa è la République! Questa è Marianne! È questo quel noi dobbiamo sempre difendere!». Mathilde Larrere, una storica vicina al movimento di contestazione della sinistra anti-governativa Nuit Debout, ha scritto un tweet dando del «cretino» a Valls. «Marianna ha il seno nudo perché è un’allegoria sul modello delle allegorie antiche, senza questo significhi nulla… È solo un codice artistico». Secondo Nicolas Lebourg, «l’uscita di Valls è inesatta. Confonde manifestamente la Marianna con la figura della Libertà che guida il popolo, il dipinto di Delacroix – ha detto a Libération -. Quel quadro è stato realizzato nel 1830 quando invece la figura di Marianna, allegoria della Repubblica, è stata fissata 18 anni più tardi con un concorso nazionale. La regola che vuole che si rappresenti una allegoria secondo il genere della parola fa sì che, dal 1792, la Repubblica era simboleggiata da figure femminili. Ma è solo nel 1848 che un concorso permette di declinare Marianna nei diversi supporti ufficiali. Due tipi si distinguono allora: uno è una Marianna austera, circondata da raggi di sole presi dall’iconografia monarchica. È la Marianna dell’ordine, del conservatorismo, della borghesia. L’altra ha il seno nudo e il berretto frigio e ha un atteggiamento contestatario».

.

Almeno a giudicare dalle immagini circolate in questi giorni sui media, il burkini non sembra neanche un indumento impresentabile. Anzi rileva perfino una sua “erotica” eleganza quando è indossato dalle giovani e spesso avvenenti donne di fede islamica. Sarà, forse, perché  noi maschi occidentali, ormai del tutto assuefatti al nudo integrale femminile, non siamo più abituati all’immaginazione che un velo sul corpo femminile può suscitare. In realtà quello del burkini è un tormentone che, ancora una volta, rivela il cortocircuito dell’ideologia occidentale. Come è già accaduto per il caso della reintroduzione del reato di opinione a proposito del negazionismo – sia chiaro che affermando questo lo scrivente non sta dichiarando alcuna simpatia per i “negazionisti” ma sta solo dicendo che essi devono essere affrontati e tacitati con le armi della storiografia e della cultura e non con il codice penale – il divieto per le donne islamiche di indossare quel che vogliono è una chiara, palese e patente contraddizione con la filosofia portante del liberalismo occidentale la quale pone al primo posto, anche al di sopra della Verità (che oltretutto per il liberalismo integralista non esiste), la “Libertà”, il diritto di ciascuno e di ciascuna di fare tutto quel che si vuole salvo danneggiare il prossimo. Non a caso una delle giovani donne in burkini, intervistata in questi giorni da una tv, si è appellata proprio ai principi liberali dell’Occidente per rivendicare la sua libera scelta di indossare quel costume da spiaggia.

Naturalmente, molti occidentali, a fronte della rivendicazione dell’intervistata in questione,  avranno pensato che le donne islamiche non siano effettivamente libere nella loro scelta ma invece costrette dalla pressione religiosa delle loro comunità. Questo del resto è lo stesso ragionamento che viene di solito applicato dall’occidentale medio, che si ritiene laico ed evoluto, alla scelta claustrale delle suore cattoliche, che si fa dipendere da condizionamenti culturali o familiari e mai dalla gioia di un incontro con il Vero Amore. Nella mentalità dell’occidentale medio lo stesso senso di colpa che un credente può provare, per i suoi peccati, di fronte a Dio altro non sarebbe che atavico e barbarico retaggio di un passato oscuro e difficile da estirpare. Sicché, poi, per spiegare il fenomeno l’occidentale in questione ricorre a tutto l’armamentario illuminista, libertario o marx-freudiano che i vaghi ricordi di quanto appreso dai suoi professori negli anni scolastici ed universitari, confermatigli dalla quotidiana e banale ripetizione massmediatica, gli mettono a disposizione.

Si potrebbe, però, chiedere al nostro occidentale medio quanto sono invece libere le nostre laiche ed evolute donne nello spogliarsi? Se, in altri termini, esse lo fanno per effettiva libera scelta o perché indottevi dalla moda del nostro tempo e quindi dalla pressione culturale e sociale benché diversa da quella che induceva le loro nonne ad indossare vestiti coprenti ed a portare il velo sulla testa in chiesa? Oppure ancora, se una donna che si spoglia – e questo vale anche per l’uomo – lo fa per decisione immune da ogni vanità o desiderio di attrarre l’attenzione dell’altro sesso oppure proprio perché cede a questo desiderio, del resto naturale ma anche da comporre con quanto nell’uomo non è mera animalità bensì spiritualità (la “sacramentalizzazione” o la ritualizzazione che le religioni fanno dell’unione tra uomo e donna proprio a questo serve, a rendere spirituale anche l’unione carnale e sessuale)?

Qual è la civiltà? Qual è la barbarie? Qual è la libertà?

Qual è la civiltà? Qual è la barbarie? Qual è la libertà?

.

Ora è chiaro che se una donna mussulmana vuole indossare il burkini nessuno potrà, secondo i canoni dell’Occidente liberale, impedirglielo come nessuno può impedire ad una donna occidentale di indossare il bikini, il monokini o di andare completamente nuda (almeno nelle spiagge riservate ai nudisti). Vietare il burkini è un contravvenire alle stesse basi valoriali dell’Occidente, checché ne pensi il ministro francese Valls che ha parlato, a proposito dell’indumento estivo delle mussulmane, di un attentato ai “nostri valori”.

Francia - Queste sono le sequenze fotografiche di quella che, se ci si pensa solo un attimo, è un atto di una barbarie assoluta: una donna col burkini, che tra l’altro era da sola, e stava dormendo in posizione rannicchiata, è stata svegliata e poi, oltre che multata, è stata… costretta a spogliarsi! Il laicismo alla francese è in effetti la prefigurazione migliore del ritorno dell’umanità allo stato selvaggio, anzi peggio: che si sappia, infatti, nella storia dell’umanità, questo sembra il primo caso di denudamento coatto a opera delle autorità.

Francia – Queste sono le sequenze fotografiche di quella che, se ci si pensa solo un attimo, è un atto di una barbarie assoluta: una donna col burkini, che tra l’altro era da sola, e stava dormendo in posizione rannicchiata, è stata svegliata e poi, oltre che multata, è stata… costretta a spogliarsi! Il laicismo alla francese è in effetti la prefigurazione migliore del ritorno dell’umanità allo stato selvaggio, anzi peggio: che si sappia, infatti, nella storia dell’umanità, questo sembra il primo caso di denudamento coatto a opera delle autorità.

.

Quali valori? Il punto infatti sta tutto nell’approccio francese, un approccio giacobino, all’idea di “Liberté”. Quel che il primo ministro francese ha contestato alle mussulmane è, infatti, che esse indossando il burkini intendono manifestare pubblicamente la propria appartenenza religiosa e quindi distinguersi dalle altre cittadine francesi mettendo al di sopra della “sacra laicité repubblicana” il proprio credo religioso. Le giovani islamiche sarebbero responsabili di lesa maestà repubblicana. La Marianne non può tollerare alcuna diversità che metta in discussione l’egalitarismo rivoluzionario.

Ecco la donna citata dal ministro francese Valls. La “Marianne” è sempre stata raffigurata come una donna che indossa il berretto frigio (o berretto di Mithra, il dio Sole dell’antica religione misterica dei Persiani), e il perché di questa scelta è presto detto: il “bonnet phrygien” è un berretto di origine anatolica indossato dagli schiavi tornati in libertà in epoca greco-romana. Ulteriore dimostrazione delle radici pagane e magico-esoteriche del regime “democratico” francese, e di tutte le democrazie occidentali, che si pongono agli antipodi delle tradizioni monoteiste ebraiche, cristiane e musulmane. Forse la sua più famosa rappresentazione è quella di questo dipinto di Ferdinand Victor Eugène Delacroix (1798 – 1863), “La Libertà che Guida il Popolo”, del 1830: i parigini marciano insieme armati sotto la bandiera tricolore e guidati da una giovane donna che personifica l’indipendenza, la rivolta, la libertà. Questo dipinto è presente nella collezione del Louvre.

Ecco la donna citata dal ministro francese Valls. La “Marianne” è sempre stata raffigurata come una donna che indossa il berretto frigio (o berretto di Mithra, il dio Sole dell’antica religione misterica dei Persiani), e il perché di questa scelta è presto detto: il “bonnet phrygien” è un berretto di origine anatolica indossato dagli schiavi tornati in libertà in epoca greco-romana. Ulteriore dimostrazione delle radici pagane e magico-esoteriche del regime “democratico” francese, e di tutte le democrazie occidentali, che si pongono agli antipodi delle tradizioni monoteiste ebraiche, cristiane e musulmane. Forse la sua più famosa rappresentazione è quella di questo dipinto di Ferdinand Victor Eugène Delacroix (1798 – 1863), “La Libertà che Guida il Popolo”, del 1830: i parigini marciano insieme armati sotto la bandiera tricolore e guidati da una giovane donna che personifica l’indipendenza, la rivolta, la libertà. Questo dipinto è presente nella collezione del Louvre.

.

Valls attesta nuovamente, se ve ne fosse ancora bisogno, l’essenza totalitaria del giacobinismo rivoluzionario e della “laicité” alla francese. Questo modo di approcciare la laicità, infatti, è lo stesso che impone in Francia la “privatizzazione” anche della pratica religiosa cristiana, la quale non può avvenire pubblicamente ma deve esprimersi solo nei luoghi a ciò adibiti ossia nelle chiese, e dispone il divieto di esporre il Crocifisso negli uffici pubblici.

La modernità ha elaborato un altro modo di approcciare alla laicità ossia quello che ha prevalso negli Stati Uniti e che consiste nella libertà di espressione pubblica della propria fede religiosa ma anche nel riconoscimento statuale di qualsiasi fede, anche quelle settarie sul tipo di Scientology, in nome di un sostanziale indifferentismo o, per dirla con Benedetto XVI, relativismo. Tutte le fedi possono liberamente e “concorrenzialmente” (l’idea americana della laicità è del tutto mercantile) agire in ambito pubblico purché nessuna pretenda l’esclusiva, il monopolio, a discapito delle altre. Tra il modello francese e quello americano, in fondo, non c’è molta differenza perché entrambi, il primo in modo autoritario ed il secondo in modo indifferentista, minano alla radice l’esperienza religiosa intaccandone la specificità ed i suoi inevitabili legami con la società, anche politica.

Nell’antichità il problema della convivenza tra le fedi era stato risolto con la tolleranza di fatto, da parte della fede egemone in un territorio, delle minoranze religiose allogene. Tolleranza di fatto che, sia chiaro, non escludeva affatto anche pesanti limitazioni civili e con una certa frequenza anche conflitti e violenze sociali cui le autorità cercavano di porre argini non sempre in modo efficace. Tuttavia, il sistema antico ha permesso, nonostante i suoi difetti, alle fedi di convivere ed alle varie minoranze di perpetuare la propria esistenza comunitaria fino ad oggi.

Non abbiamo avuto notizie di eventuali reazioni, in Francia, da parte della destra nazionalista e lepenista. Di sicuro, in essa, avrà prevalso l’anti-islamismo sull’anti-socialismo e si sarà accodata al coro occidentalista antiburkini in nome di una malintesa difesa dell’identità nazionale minacciata dall’islamizzazione. Probabilmente il neopaganesimo illuminista e nicciano di alcuni settori della destra francese, quelli facenti capo ad Alain De Benoist, avrà colto l’occasione per la solita reprimenda contro il “totalitarismo monoteista”, dal quale dipenderebbero l’egalitarismo di cui si nutre il laicismo francese, che a differenza del “pluralismo politeista” non ammette differenze. Una reprimenda che naturalmente non mette in conto – è quanto il pensiero nicciano e neopagano puntualmente nasconde! – che la fede nell’Unicità di Dio (la quale, pur nelle loro differenze, accomuna cristiani, ebrei ed islamici) dichiarata sul piano soprannaturale e trascendente non nega, anzi afferma ed impone, la diversità tra gli uomini, i popoli e le culture sul piano immanente e naturale.

Ma dalla destra, qualunque destra attuale, incapace di articolare un qualsiasi discorso culturale quale base della propria proposta politica nessuno, almeno non lo scrivente, si aspetta ancora qualcosa di intelligente. Sono invece i cristiani e le cristiane a dover riflettere approfonditamente, consci di come e quanto l’ideologia occidentale ha essi per primi colpito duramente.

Lo scrivente, infatti, da cattolico (vorrei dire, ma non lo dico, “tradizionalista” se questo termine non fosse ormai abusato e svalutato da tanto trogloditismo, settario o teocons, che ammorba da alcuni decenni il cosiddetto tradizionalismo cattolico rendendolo una macchietta), non può non simpatizzare con le donne islamiche in burkini. Questo perché ogni atteggiamento, maschile o femminile, di modestia, di umiltà, apre il cuore a Dio, ci avvicina all’Amore Assoluto, mentre, al contrario, gli atteggiamenti che sollecitano le nostre vanità, il nostro orgoglio, ed i nostri desideri non incanalati verso l’Alto ci chiudono nella protervia prometeica dell’esaltazione auto-deificatoria dell’io, allontanandoci dalla Luce Increata che vorrebbe accoglierci tutti se Glielo consentiamo.

Da cattolico peccatore, consapevole appunto dei miei innumerevoli peccati, non posso sentirmi migliore di una islamica che indossa il burkini e che almeno si sforza di essere più umile e più modesta di me.

Luigi Copertino

Bikini e/o burkini

Immagini di civiltà a confronto

Questa è una foto pubblicata da Marco Travaglio sulla prima pagina de “Il Fatto Quotidiano” di sabato 20 agosto scorso. Questa la didascalia del giornalista a commento: “Un secolo – Questa foto l’ho tratta dall’album di famiglia. E’ del 1910. La nonna Grazia (la biondina in primo piano) aveva 4 anni, i miei prozii qualcuno in più, i miei bisnonni una trentina. Tutti a mollo nel mare della Liguria, tutti in burkini senza saperlo. Il bisnonno portava pure la tuba, la bisnonna la cuffia e i colletti di pizzo. E, giuro, nessuno era jihadista”.

Questa è una foto pubblicata da Marco Travaglio sulla prima pagina de “Il Fatto Quotidiano” di sabato 20 agosto scorso. Questa la didascalia del giornalista a commento: “Un secolo – Questa foto l’ho tratta dall’album di famiglia. E’ del 1910. La nonna Grazia (la biondina in primo piano) aveva 4 anni, i miei prozii qualcuno in più, i miei bisnonni una trentina. Tutti a mollo nel mare della Liguria, tutti in burkini senza saperlo. Il bisnonno portava pure la tuba, la bisnonna la cuffia e i colletti di pizzo. E, giuro, nessuno era jihadista”.

.

La bellissima foto qui sopra ci ha stimolato a postare questa breve, ma eloquente, riflessione per mezzo di immagini, che vi proponiamo qui di seguito.

La cosiddetta “evoluzione del costume”, per noi ovviamente è un galoppare velocemente verso la barbarie totale, ed è tuttavia uno degli elementi principali del “Progresso”, e significa sostanzialmente questo: la persona nuda, che nel passato, anche in occidente, è sempre stata sinonimo di persona selvaggia, oggi è considerata chic, alla moda, “trend”.

Anche in questo ambito, Il Corano e la Sunna ci dicono chiaramente verso quale direzione debba necessariamente andare qualsiasi conglomerato umano, a qualsiasi religione o ideologia faccia riferimento, se vuol tornare ad un minimo di sostanza civile.

Questo è un disegno che illustra un costume da bagno di metà Ottocento, si notino i piedi coperti da scarpe.

Questo è un disegno che illustra un costume da bagno di metà Ottocento, si notino i piedi coperti da scarpe.

.

Questo è un esempio di “bathing machine”, la “macchina da bagno”, tipica dei tempi della Regina Vittoria d’Inghilterra. Serviva per raggiungere il punto da cui non essere visti. La cabina era in legno, chiuse con una tenda. I vacanzieri, ovviamente benestanti, divisi per sesso, entravano in cabina, indossavano il costume da bagno, la macchina veniva trascinata in acqua e ci si tuttava da dove veniva fermata. Questo, perché la sfilata in costume da bagno sul bagnasciuga era severamente vietata. E fino al 1870 alle donne era vietato fare il bagno in pubblico. Erano barbari? La vera civiltà è cominciata solo cent’anni fa? E le radici “giudaico-cristiane”?

Questo è un esempio di “bathing machine”, la “macchina da bagno”, tipica dei tempi della Regina Vittoria d’Inghilterra. Serviva per raggiungere il punto da cui non essere visti. La cabina era in legno, chiuse con una tenda. I vacanzieri, ovviamente benestanti, divisi per sesso, entravano in cabina, indossavano il costume da bagno, la macchina veniva trascinata in acqua e ci si tuttava da dove veniva fermata. Questo, perché la sfilata in costume da bagno sul bagnasciuga era severamente vietata. E fino al 1870 alle donne era vietato fare il bagno in pubblico. Erano barbari? La vera civiltà è cominciata solo cent’anni fa? E le radici “giudaico-cristiane”?

 .

Qui siamo al 1890. Si cominciano a scoprire i piedi.

Qui siamo al 1890. Si cominciano a scoprire i piedi.

 .

1910. Si cominciano a vedere le ginocchia. Questo modello era considerato altamente provocatorio. Si noti l’ombrellino. Dal sole ci si doveva comunque proteggere: il concetto di “abbronzatura” (è noto, tra l’altro, che l’abbronzatura invecchia la pelle) era del tutto sconosciuto.

1910. Si cominciano a vedere le ginocchia. Questo modello era considerato altamente provocatorio. Si noti l’ombrellino. Dal sole ci si doveva comunque proteggere: il concetto di “abbronzatura” (è noto, tra l’altro, che l’abbronzatura invecchia la pelle) era del tutto sconosciuto.

 .

Ancora nel 1910. Questa attrice, Annete Kellermann, una volta fu anche arrestata: il costume era troppo aderente.

Ancora nel 1910. Questa attrice, Annete Kellermann, una volta fu anche arrestata: il costume era troppo aderente.

 .

1920. Come in un programma studiato a tavolino per avanzare tappa dopo tappa, il nudo avanza sopra le ginocchia. Resiste ancora la cuffia per coprire i capelli.

1920. Come in un programma studiato a tavolino per avanzare tappa dopo tappa, il nudo avanza sopra le ginocchia. Resiste ancora la cuffia per coprire i capelli.

 .

E siamo nel 1930, si scoprono i capelli. Il più è fatto. Poi, qualche anno più tardi, arriveranno il bikini e il topless. Ma gli uomini sono ancora troppo “vestiti”, e non ci sono ancora i matrimoni omosessuali. Qui sotto, vi mostriamo il prossimo futuro della moda “maschile” (le virgolette sono evidentemente per noi obbligatorie). Senza commento. Se non per dire che per i musulmani, uomini e donne, ammesso che finora sia stata una cosa consigliabile, diventerà di fatto del tutto impossibile frequentare le spiagge, a meno che non siano spazi separati e chiusi, e con regole precise.

E siamo nel 1930, si scoprono i capelli. Il più è fatto. Poi, qualche anno più tardi, arriveranno il bikini e il topless. Ma gli uomini sono ancora troppo “vestiti”, e non ci sono ancora i matrimoni omosessuali. Qui sotto, vi mostriamo il prossimo futuro della moda “maschile” (le virgolette sono evidentemente per noi obbligatorie). Senza commento. Se non per dire che per i musulmani, uomini e donne, ammesso che finora sia stata una cosa consigliabile, diventerà di fatto del tutto impossibile frequentare le spiagge, a meno che non siano spazi separati e chiusi, e con regole precise.

 .

 COSTUMI 8

 

COSTUMI 9

 

COSTUMI 10

Maschio o femmina? Non c’e’ fretta!

Meglio un punto di domanda

Sempre più spesso, ormai capita di rimanere stupefatti e storditi dalle assurdità che si leggono. E l’argomento gender, di assurdità, ne propone in continuazione.

Una delle ultime è l’articolo di Christin Scarlett Milloy per la rivista Slate, dal titolo “Non lasciare che il medico faccia questo al vostro neonato”.

La Milloy sostiene che definire, al momento della nascita, un neonato come maschio o femmina a seconda degli organi genitali che sono sempre chiaramente visibili, è una definizione affrettata!

Continua a leggere

Lui, lei, ed “Ess”

Laddove insegnano ai bambini il genere "neutro"

Un asilo d’infanzia in Svezia, dove sono sempre “avanti”.

Questa è la scuola materna “EGALIA” di Stoccolma, e questo documentario è stato prodotto dalla TV francese ARTE.

In questo video potete vedere come avanza l’indottrinamento forzato, ai bambini come ai genitori, dell’ideologia gender.

Il genere “neutro” ha trovato anche un nome, “ESS” (in svedese, “HEN”).

“Tra qualche anno, diremo tutti “ESS”, afferma trionfante un’insegnante.

In questo incredibile video, possiamo assistere alle tecniche di instupidimento di massa, già applicate con discreto (ma non totale) successo sugli adulti, applicate ai bambini.

Bambini che, dall’alto della loro naturalezza e innocenza, mostrano una discreta resistenza all’assimilazione di queste assurdità, nonostante anche i genitori spesso (ma non sempre e non del tutto), non sempre nella piena consapevolezza, siano complici di questa macchinazione satanica.

Si può vedere l’assurdità di adulti che insistono nel far vestire un maschietto da donna, si mischiano i bambini e perfino i colori, ma se si deve scegliere “è meglio il rosa”.

Non si usano mai le parole “bambino” o “bambina”, ma “compagn”!

“E’ bene che ciascuno decida come essere chiamato”!

“Il sesso vero è come la persona si sente!”

C’è una mamma che è preoccupata perchè la figlia ama troppo il colore rosa! E vuole obbligarla a indossare altri colori!

Ma cosa succede se un bambino maschio si sente decisamente maschio e non vuol saperne di essere nè femmina nè “neutro”? Semplice, si passa al cosiddetto “piano B”: gli si spiega che “non è una questione centrale”. Lottano strenuamente per imporre le loro concezioni diaboliche, e quando si accorgono che perdono, dicono che non è importante! Questa è la dimostrazione migliore della falsità scientifica di tutto l’impianto!

E invece è una questione centralissima.

Invitiamo tutti a vedere e rivedere questo video, onde assimilare le tecniche di indottrinamento, e saperle sempre contrastare.

Ricordando che, nell’insegnamento islàmico, sono contemplati solo il maschio e la femmina, che ogni insegnamento diverso da questo proviene da Satana, e ricordando che i genitori musulmani hanno, come abbiamo ricordato in molti nostri precedenti post, il DOVERE di preservare se stessi e i propri figli da Satana.

Per vedere il video cliccate qui:

Documentario – “Il, elle, hen
La pedagogia neutra secondo la Svezia” [SUB_ITA]

Ecco la fabbrica di Satana (e dell’infelicita’)

Immagini di bimbi/e "cross-gender"

La copertina del libro "Inside Out - Portraits of Cross-gender Children".

La copertina del libro “Inside Out – Portraits of Cross-gender Children”.

 

Il libro di cui vedete qui sopra la copertina è stato pubblicato nel 2011 (non ancora in italiano, ringraziando IDDIO).

Si chiama “INSIDE OUT – Portraits of Cross-gender Children“. Vale a dire, “Ritratti di bambini cross-gender“. L’autrice si chiama Sarah Wong.

La scrittrice Sarah Wong, autrice del libro di cui sopra. Si dice "ispirata dalla compassione" (!).

La scrittrice Sarah Wong, autrice del libro di cui sopra. Si dice “ispirata dalla compassione” (!).

 

Continua a leggere

Una poesia da un bambino musulmano

Con gli auguri ai bimbi cristiani

Quella che segue è una poesia, scritta, con l’aiuto della mamma, da un bimbo musulmano italiano di nome Muhàmmad, nato da genitori entrambi musulmani italiani, residente in un comune della provincia di Como.

La maestra aveva chiesto agli alunni di scrivere una poesia con argomento il Natale. La solita forzatura non necessaria.

E la mamma, invece di fare astenere il bambino, gli ha consigliato di scriverla, mettendocì però il proprio punto di vista di bambino musulmano.

Ottima idea, e ottimo anche il risultato.

Per coloro che la leggeranno, soprattutto i non musulmani, un’occasione per riflettere sulla presunta “intolleranza” dei musulmani.

La maestra ha dato come voto 10.

Continua a leggere

Il gioco del rispetto colpisce ancora

Bambino espulso dalla scuola

Amedeo Rossetti con la moglie e il piccolo, espulso dalla scuola.

Amedeo Rossetti con la moglie e il piccolo, espulso dalla scuola.

 

LA “PARTECIPAZIONE DEMOCRATICA” E’ UNA PRESA IN GIRO – Alla fine, hanno espulso il figlio di Amedeo Rossetti dalla scuola. Giusto per far capire che aria tira. Altro che “partecipazione democratica dei genitori”, condivisione degli orientamenti formativi, e balle varie. Se un genitore prende tutte queste scemenze sul serio, e prova a controllare sul serio, con obiezioni serie, precise e puntuali quello che vogliono propinare ai nostri bambini nelle scuole dello Stato, gli rispondono picche, per usare un eufemismo.

Continua a leggere

Insistono col gioco del rispetto

Ma la lotta sarà lunga

Ricapitoliamo, per chi si fosse perso le puntate precedenti.

A Trieste, in una scuola materna, si vuole far fare ai bambini il cosiddetto “Gioco del Rispetto”, che tra le tante amenità prevede anche che i maschietti si travestano da femminucce, e viceversa. Il tutto, nell’ottica della imposizione a livello scolastico della famigerata “ideologia gender”, che pretende di cancellare dalla psiche dei bambini le differenze, pure evidenti ed ineliminabili, fra maschio e femmina.

Continua a leggere