ECCO PER CHI VOTERO’ IL 4 MARZO 2018

“Lista del Popolo per la Costituzione” di Giulietto Chiesa e Antonio Ingroia

Antonio Ingroia e Giulietto Chiesa con il logo della “Lista del Popolo”

Antonio Ingroia e Giulietto Chiesa con il logo della “Lista del Popolo”

.

Sono sempre stato un utopista sognatore solidale, e da giovane ho militato nella sinistra extraparlamentare. Il mio ingresso nell’Islàm, nel 1991, ha perfezionato e completato la mia struttura personale, sistemando, con l’apporto decisivo dei valori spirituali e tradizionali islamici, la mia individualità.

Nessuno dei partiti attuali, tradizionali e più recenti, mi rappresenta.

Lista di Popolo” per la Costituzione rappresenta una novità positiva, per almeno tre motivi:

  • Non è un partito, ma un movimento, e si caratterizza per la volontà di riunire tutti gli italiani, anche di impostazione ideologica o religiosa diverse, in un progetto comune di rinascita, e dove non c’è nessun politico di professione. Non è un movimento per la riunificazione della sinistra, ma per la riunificazione di tutti gli italiani. Una vera lista di popolo, dunque, e non di partito.

  • In primo piano ci sono la solidarietà sociale e il ripristino della sovranità nazionale, basati sulla creazione di una moneta parallela, la rinegoziazione dei trattati internazionali e l’eventuale uscita dall’Europa, l’uscita dalla Nato, l’estensione della legge anti-corruzione ai politici. Il tutto, ritornando semplicemente ad una applicazione rigorosa della Costituzione Italiana.

  • La credibilità di persone come Giulietto Chiesa e Antonio Ingroia, il primo specialmente, uno dei rari casi di giornalista che ha sempre smontato le bufale dei media sull’11 settembre e sul terrorismo internazionale, svelandone i veri mandanti in Israele e la CIA. Si sono meritati sul campo la fiducia degli italiani onesti, con la loro onestà e indipendenza.

 image2

 .

E’ un programma coraggioso, ed è senza dubbio il più serio ed incisivo fra tutti quelli che abbiamo potuto leggere in questi giorni.

Non vinceranno, ma mandare Giulietto Chiesa e Antonio Ingroia in parlamento, mi sembra un’ottima cosa, una garanzia di incisività, di trasparenza e competenza. E comunque il movimento è destinato a crescere.

Non è un voto sprecato, e può essere l’inizio della costruzione di qualcosa di molto importante, se IDDIO volle.

E’ a mio parere, in questo momento storico, la maniera migliore per utilizzare il nostro voto.

Perché il voto rimane comunque l’unica arma che abbiamo, e non votare facilita la vittoria degli altri.

Chiarisco che non conosco né Ingroia né Chiesa, né nessuno dei militanti della “Lista del Popolo”, né tantomeno sono candidato. Ho preso la mia decisione semplicemente confrontando i vari programmi e i vari candidati.

Per chi volesse maggiori informazioni sul movimento, può cliccare qui, www.listadelpopolo.it , per andare sul sito.