MISFATTI E PROSPETTIVE DI UN “MASSONE ANOMALO”. L’ESPANSIONISMO DEL TERRORISTA GUERRAFONDAIO ERDOGAN

8 – Il discorso doppio su Santa Sofia

image1

Il discorso doppio di Erdogan.

Il discorso doppio di Erdogan.

 .

LA DOPPIEZZA NECESSARIA

Come è noto, una delle caratteristiche principali dei criminali politici di tutti i tempi è la doppiezza, soprattutto nei confronti dei popoli.

Erdogan ne ha offerto nei giorni scorsi un ottimo esempio.

Dalla dichiarazione ufficiale che ha rilasciato ai media dopo la annunciata decisione definitiva di riconvertire Santa Sofia in moschea, risulta che la versione inglese e quella in lingua araba sono diverse e contrastanti fra loro: conciliante la prima, bellicosa la seconda.

Ecco cosa scrive Tommy Hilton, su “Al-Arabiya English”, il giorno 11 luglio 2020:

Il presidente Erdogan è stato messo sotto accusa per aver commentato la conversione della moschea in maniera diversa, nei suoi comunicati in inglese ed in arabo. Se si leggono i due discorsi ci si accorge che non coincidono affatto. Mentre il testo in inglese è di gran lunga più conciliante e parla di “eredità condivisa dell’umanità”, il testo in arabo descrive l’iniziativa come “l’adempimento della promessa del sultano ottomano Maometto II° (Mehmet II)”, e aggiunge anche che “il ritorno di Hagia Sophia è un segno nella direzione del ritorno alla libertà per la moschea di al-Aqsa”, il sito sacro islamico in Gerusalemme. Qualcuno ha aggiunto che Erdogan, in questi anni, ha incrementato i rapporti economici e commerciali con Israele, a dispetto delle sue dichiarazioni di liberare al-Aqsa, la qual cosa implicherebbe di togliere il controllo di Gerusalemme a Israele.

Il fatto è perfettamente emblematico della reale politica del terrorista guerrafondaio Erdogan: ammiccante ad una riconquista della Palestina(in realtà inesistente nemmeno nei progetti), nei confronti dei musulmani di tutto il mondo, per assumerne la leadership; e tranquillizzante nei confronti di tutto il resto del mondo, Israele compreso, che infatti non ha nemmeno evidenziato la doppiezza del discorso, sintomo ennesimo di complicità totale dell’entità sionista coll’aspirante sultano.

Qui sotto, riportiamo il post integrale ricopiato, in fondo riportiamo il link.

L’ARTICOLO DI “AL-ARABIYA ENGLISH”

Turkey’s Hagia Sophia mosque move sparks controversy, Erdogan accused of double speak

 

Hagia Sophia, a UNESCO World Heritage Site, is seen in Istanbul, Turkey, June 28, 2020. (Reuters)

Tommy Hilton, Al Arabiya EnglishSaturday 11 July 2020

Turkey’s decision to turn Istanbul’s 6th century Hagia Sophia cathedral from a museum into a mosque has sparked controversy across the world including accusations that President Recep Tayyip Erdogan has framed the issue differently based on his audience.

The UNESCO World Heritage Site was originally built as an Orthodox Christian cathedral before being converted into a mosque after the Ottoman conquest of the city in 1453.

In 1934, the founder of the modern Turkish state Kemal Atatürk turned the iconic building into a museum as part of his secularization drive, but on Friday Erdogan proclaimed the Hagia Sophia as a mosque after a court annulled the site’s museum status.

The move has since sparked controversy, with a range of domestic and international voices criticizing Erdogan – but some voices from organizations affiliated with the president and his Muslim Brotherhood-affiliated allies supporting it.

Read more:

Erdogan declares Hagia Sophia open for prayers after court ruling, ignoring warnings

Hagia Sophia mosque move: Greece says ‘provocation to civilized world’

Erdogan rejects criticism over Turkey’s Hagia Sophia landmark move

Erdogan criticized for double speak

President Erdogan has come under fire for framing the conversion of the mosque differently in his English and Arabic announcements.

The president’s office released two signed letters announcing the declaration, but observers were quick to note that the English content did not match up to the Arabic.

While the English was far more conciliatory and talked of the “shared heritage of humanity,” the Arabic content described the move as “fulfilling the promise of [Ottoman Sultan] Mehmed II” and said the “The revival of Hagia Sophia is a sign toward the return of freedom to al-Aqsa mosque,” the Islamic holy site in Jerusalem.

On Twitter, commentators pointed out that Erdogan was likely trying to appeal to his core support in Arabic while presenting a more conciliatory tone in English.

Two Completely Contradictory Messages. As #Erdogan uses phrases such as ‘open to all’ and ‘shared heritage of humanity’ in English. In Arabic it reads as a romanticized Sultan-like speech appealing to a certain ‘fan base’ to trigger extremist ideology and action,” tweeted the London School of Economics’ Juhaina Al Ali.

Some critics pointed out that Erdogan has increased trade with Israel despite his claim to want to liberate al-Aqsa, which implies removing Israeli control over Jerusalem.

Erdogan himself has rejected criticism, insisting that Turkey has sovereignty over the Hagia Sophia.

For all the latest headlines follow our Google News channel online or via the app

Is Hagia Sophia decision the end of secularism?

Erdogan has been accused of attacking longstanding traditions of secularism in Turkey.

Erdogan’s AKP party promotes an ideology that has been described as “Islamist,” and the president has sought close ties with the Muslim Brotherhood.

This latest move has been interpreted by onlookers as a symbolic attack on secularism, with the Wall Street Journal covering the decision under the headline: “Symbol of Secular Turkey to Reopen as Mosque.”

Other analysts saw the conversion of the Hagia Sophia as a “crowning moment” in Erdogan’s much broader plans to revolutionize Turkey.

Erdogan has been flooding Turkey’s public space, education policy and government with a brand of conservative Islam, and Hagia Sophia is the crowning moment of Erdogan’s religious revolution which has been unfolding in Turkey for over a decade,” Soner Cagaptay, Director of Turkish research program at Washington Institute for Near East Policy, told Reuters.

Just as Ataturk nearly 100 years ago ‘unmosqued’ Hagia Sophia to underline commitment to his own secularist revolution, to take religion out of politics, Erdogan is now doing nearly the opposite. He is reconverting the building into a mosque to underline his own religious revolution,” he added.

This regrettable move Mr President makes Istanbul poorer culturally. There are over 3,000 mosques in Istanbul. Hagia Sophia is much more than a physical building, it is a unifying symbol for various faiths,” tweeted the Emirati commentator Sultan Saoud al-Qassemi.

Read more: Opinion: Turkey released my father from prison, but the fight for freedom has only begun.

Religiously divisive – but backed by some

Christian leaders also criticized the decision, with a senior Russian Orthodox official warning that it could lead to “greater divisions.”

It is a real shame that the concerns of the Russian Orthodox Church and other Orthodox churches were not heard. This decision, alas, is not aimed at reconciling existing differences, but on the contrary, may lead to even greater divisions,” said Russian Orthodox Church official Vladimir Legoida to Reuters.

Russian Orthodox Church Patriarch Kirill leads a religious procession marking the 700th anniversary of declaring Moscow the capital of Orthodox Russia. (File: AP)

Russian Orthodox Church Patriarch Kirill leads a religious procession marking the 700th anniversary of declaring Moscow the capital of Orthodox Russia. (File: AP)

.

Turkey’s Christian neighbors Cyprus and Greece, with whom it has poor relations, also criticized the move.

It is a historical appropriation and desecration of a World Heritage monument of particular value to the world’s Christians,” said Cypriot President Nicos Anastasiades.

The move was an “open provocation to the civilized world,” said Greece’s Culture Minister Lina Mendoni, adding that it “absolutely confirms that there is no independent justice” in Turkey.

Other analysts suggested that Erdogan would attempt to benefit from a spike in religious tensions by positioning himself as a defender of Islam.

One of the effects of the conversion of Hagia Sophia from a museum into a mosque will be a spike in Islamophobia in the West and elsewhere. Which, of course, Erdogan will then use to his advantage,” tweeted Dimitar Bechev of the Atlantic Council.
However, some organizations voiced their support for the move.

The Palestinian militant group Hamas, which is affiliated with the Muslim Brotherhood, welcomed the verdict.

Opening of Hagia Sophia to prayer is a proud moment for all Muslims,” said Hamas’ press office head Rafat Murra, according to Turkey’s Anadolu Agency.

Al Jazeera English also quoted the Turkish Republic of Northern Cyprus – which is only recognized by Turkey – as approving of the move.

Hagia Sophia has been Turkish, a mosque and a world heritage since 1453. The decision to use it as a mosque, at the same time to be visited as a museum, is sound and it is pleasing,” the Prime Minister Ersin Tatar reportedly said.

Read more: Turkey’s Erdogan may be seriously pursuing his nuclear ambitions: Expert

Last Update: Saturday, 11 July 2020 KSA 17:19 – GMT 14:19

IL LINK PER LEGGERE IL POST SUL SITO.

P. S. : LE PUNTATE PRECEDENTI

Ecco i link per chi vuole leggere le puntate precedenti di questa inchiesta.

1a puntata: IL RUOLO DELLA TURCHIA NEL PROGETTO MASSONICO PENTALPHIANO.

2a puntata: I CONFRATELLI MASSONI DI ERDOGAN.

3a puntata: L’ACCORDO CON ISRAELE E IL TRADIMENTO DELLA PALESTINA.

4a puntata: L’INVASIONE DELLA SIRIA E I RAPPORTI COI TERRORISTI.

5a puntata: LA LEADERSHIP DEL MONDO ISLAMICO E IL CASO KHASHOGGI.

6° puntata: ERDOGAN E L’ISIS.

7° puntata: PERCHE’ SANTA SOFIA E’ RIDIVENTATA MOSCHEA. E PERCHE’ L’OCCIDENTE NON CONTRASTA ERDOGAN. LA FALSA INIMICIZIA CON ISRAELE

MISFATTI E PROSPETTIVE DI UN “MASSONE ANOMALO”. L’ESPANSIONISMO DEL TERRORISTA GUERRAFONDAIO ERDOGAN

7 – Perché Santa Sofia è ridiventata moschea. E perché l’Occidente non contrasta Erdogan. La falsa inimicizia con Israele

A sinistra, l’interno della cattedrale di Santa Sofia. A destra, nel 2004, la stretta di mano di Erdogan ad Ariel Sharon, allora premier israeliano, responsabile nel passato della orrenda strage di civili palestinesi nei campi di Sabtra e Chatila. La foto è solo una delle prove degli ottimi rapporti che intercorrono tra Erdogan e l’entità sionista. I due sono stati (Sharon è morto nel 2014) anche confratelli massoni nella Ur-Lodge massonica “Hathor Pentalpha”.

A sinistra, l’interno della cattedrale di Santa Sofia. A destra, nel 2004, la stretta di mano di Erdogan ad Ariel Sharon, allora premier israeliano, responsabile nel passato della orrenda strage di civili palestinesi nei campi di Sabtra e Chatila. La foto è solo una delle prove degli ottimi rapporti che intercorrono tra Erdogan e l’entità sionista. I due sono stati (Sharon è morto nel 2014) anche confratelli massoni nella Ur-Lodge massonica “Hathor Pentalpha”.

.

NON E’ LA PRIMA

La conversione della cattedrale di Santa Sofia in moschea ha suscitato clamore nei media.

Ma non è la prima.

La basilica di Santa Sofia a Nicea. Dal 2011 è ridiventata moschea.

La basilica di Santa Sofia a Nicea. Dal 2011 è ridiventata moschea.

.

La Chiesa di Santa Sofia a Nicea (nome turco Iznik) è una chiesa bizantina, costruita da Giustiniano I nel VI° secolo. Vi si riunì il Concilio di Nicea del 787. Nel 1065 divenne una basilica, con degli ampliamenti. Fu convertita in moschea dopo la conquista ottomana nel 1337, e ha funzionato come tale fino a quando non è stato convertita in un museo nel 1935, dal regime laico di Ataturk.

Nel novembre 2011 è stata ancora una volta convertita in moschea.

La basilica di Santa Sofia a Trebisonda (Trabzon)

La basilica di Santa Sofia a Trebisonda (Trabzon)

.

La basilica di Santa Sofia a Trebisonda (Trabzon) risale al XIII° secolo. Fu convertita in moschea dai turchi ottomani nel 1584, e poi trasformata in museo nel 1935.

Nel 2013 è tornata ad essere moschea.

Gli splendidi mosaici della chiesa di San Salvatore in Chora, ad Istanbùl. Ritornerà ad essere una moschea.

Gli splendidi mosaici della chiesa di San Salvatore in Chora, ad Istanbùl. Ritornerà ad essere una moschea.

.

Ma non è finita qui. La chiesa di San Salvatore in Chora, i cui mosaici sono tra le attrazioni più notevoli di Istanbùl, costruita nel V secolo, era dedicata in origine a San Salvatore. Venne trasformata in moschea nel 1511; in museo nel 1945.

Nel novembre del 2019 una sentenza del Consiglio di Stato ha deciso che l’antica chiesa sia riconsegnata “al suo culto iniziale”, cioè ad essere utilizzata come moschea.

 

UN GESTO SIMBOLICO: LUI VORREBBE TORNARE ALL’IMPERO OTTOMANO. AGGIORNATO.

Non per caso, erano esattamente le 20.53, ad Istanbùl, quando il presidente turco Erdogan ha cominciato il suo discorso, in diretta TV, in cui annunciava che il prossimo 24 luglio si terrà la prima preghiera islamica nella cattedrale di Santa Sofia, che ritornerà ad essere una moschea, e dunque non sarà più un museo, come era dal 1935, per disposizione di Ataturk. Il minuto 53 voleva ricordare la conquista di Costantinopoli da parte dei turchi, avvenuta appunto nel 1453, quando la cattedrale era stata trasformata in moschea.

Dal punto di vista religioso islamico, questo provvedimento è del tutto contrario ai principi islamici, che prescrivono rispetto per gli edifici di culto, anche se non più praticati. Ed è anche un gesto del tutto immotivato da un punto di vista pratico, in quanto ad Istanbul non vi è nessuna necessità di nuove moschee.

Dunque: perché?

Nelle puntate precedenti di questa nostra inchiesta abbiamo illustrato l’affiliazione di Erdogan alla Ur-Lodge (superloggia) massonica transnazionale “Hathor Pentalpha”, assieme ai Bush, ai neocons USA, a Sharon e ad altri israeliani, ai Saud, ai regnanti del Qatar, e altri. Lo scopo di questa superloggia, responsabile di tutto il terrorismo e di tutte le guerre dal 2001 ad oggi, è quello di dividere nettamente il pianeta secondo otto “civiltà”, ognuna delle quali con uno stato-guida, secondo il progetto illustrato chiaramente nel libro “Lo scontro delle civiltà e il Nuovo Ordine Mondiale”, di Samuel Huntington, anch’egli affiliato alla succitata superloggia. Lo stato-guida individuato per la civiltà islamica è la Turchia, a condizione che questo paese, importante membro della Nato, avviasse una seria opera di islamizzazione, ed uscisse dal laicismo che lo ha contraddistinto dalla rivoluzione dei Giovani Turchi di Ataturk in poi. Questo compito è stato affidato, da decenni, ad Erdogan.

Ecco alcuni dei “confratelli massoni” di Erdogan all’interno della Ur-Lodge massonica transnazionale “Hathor Pentalpha”. I Saud sono “confratelli” di Erdogan dal 2000, anno della affiliazione sua e loro a questa superloggia, nonostante attualmente ci sia un forte contrasto tra loro, specialmente col principe ereditario Muhàmmad: il motivo è che quest’ultimo vuole contendere alla Turchia il ruolo di “stato-guida” della civiltà islamica, per assegnarlo all’Arabia Saudita. Di questo contrasto abbiamo parlato nella quinta puntata di questa inchiesta. In fondo al post si possono trovare tutti i link delle precedenti puntate.

Ecco alcuni dei “confratelli massoni” di Erdogan all’interno della Ur-Lodge massonica transnazionale “Hathor Pentalpha”. I Saud sono “confratelli” di Erdogan dal 2000, anno della affiliazione sua e loro a questa superloggia, nonostante attualmente ci sia un forte contrasto tra loro, specialmente col principe ereditario Muhàmmad: il motivo è che quest’ultimo vuole contendere alla Turchia il ruolo di “stato-guida” della civiltà islamica, per assegnarlo all’Arabia Saudita. Di questo contrasto abbiamo parlato nella quinta puntata di questa inchiesta. In fondo al post si possono trovare tutti i link delle precedenti puntate.

.

Questo, per comprendere che l’avvento di Erdogan non è dovuto solo ad una sua ambizione personale coronata da successo, ma si è trattato piuttosto di una ascesa preparata da lungo tempo da quegli ambienti massonici.

Gesti come la riconversione di Santa Sofia in moschea, e altri, hanno dunque soprattutto l’obbiettivo di catturare il consenso delle masse musulmane più estremiste. Erdogan vuole presentarsi come l’unico vero difensore dell’Islàm in tutto il mondo, coerentemente e parallelamente al progetto di ricostruzione della “civiltà islamica / impero ottomano”.

Ma questo non sarebbe possibile senza l’appoggio totale di ISRAELE e USA, perlomeno nelle sue lobbies più potenti. Perché deve essere chiaro che questo piano prevede il dominio assoluto di Israele nel Medio Oriente, e dunque la distruzione/sottomissione totale del popolo palestinese e dei suoi diritti. Erdogan ne è dunque perfettamente co-progettatore e co-esecutore. Per far avanzare il piano, Erdogan deve contemporaneamente apparire alle masse musulmane come difensore dei diritti dei palestinesi, e anzi, come L’UNICO difensore dei palestinesi.

Ma la realtà è molto diversa.

 image7

L’ALLEANZA STRATEGICA CON ISRAELE, LA FALSA INIMICIZIA COGLI ISRAELIANI, E LA FALSA AMICIZIA COI PALESTINESI

Erdogan mi chiama Hitler ogni 3 ore, ma il commercio tra di noi è prospero…”. Questa dichiarazione del premier israeliano Netanyahu la dice lunga su quel grande attore menzognero che è Erdogan.

A dispetto delle sue dichiarazioni pro-Palestina, e delle sue apparenti velleità anti-israeliane, il terrorista guerrafondaio Erdogan ha rapporti del tutto amichevoli con l’establishment israeliano, e rapporti economici in crescita continua.

Lo spiega molto bene questo articolo pubblicato da “Invicta Palestina”.

Ma del resto, era già stato firmato un importante accordo di normalizzazione, fra Erdogan e Israele, nel 2016, un accordo che Israele dichiarò essere “economicamente importantissimo”: link.

GLI ACCORDI CON SHARON, IL BOIA DI SABRA E CHATILA

Ma non si tratta di rapporti che hanno una storia lunga, tra questi due paesi. Anzi. La cronaca ci dice che fu proprio Erdogan ad iniziare una “nuova era” di buoni rapporti.

image6

 .

Gli accordi del 2005 di Erdogan con Ariel Sharon, il responsabile del massacro dei migliaia di civili palestinesi nei campi di Sabra e Chatila in Libano, vennero infatti dipinti proprio come “un inizio”: link.

Ma già da prima, Erdogan si era dimostrato amico di Israele, nel 2003, addirittura mandando navi turche a difendere le coste israeliane da possibili lanci di missili da parte dell’Iraq di Saddam Hussein:

Nel 2003 Erdogan invia la flotta turca a difendere le coste di Israele da un eventuale attacco missilistico di Saddam Hussein… e assicura all’America l’uso delle basi turche per un contingente di 60 mila militari americani che invaderanno l’Iraq da nord…

Il Parlamento turco poi annullò la sua decisione, ma questo non danneggiò gli ottimi rapporti di Erdogan con Israele:

Quanto a Israele, durante i primi anni del governo Erdogan, continuano le manovre militari congiunte turco-israeliane, Ankara acquista carri armati israeliani e soprattutto firma un mega contratto per la fornitura a Israele di acqua potabile, via mare, per decine di milioni di dollari. Un prezioso aiuto strategico a Gerusalemme.”

Per chi vuole leggere un buon articolo, un po’ un riassunto della storia della carriera politica di Erdogan, ecco il post da cui è stato tratto il brano qui sopra.

PREMIATO DALLA ANTI-DIFFAMATION LEAGUE

Ma il terrorista guerrafondaio Erdogan ha anche una importante “medaglia” da appuntarsi al petto delle amichevoli relazioni con Israele: è stato anche premiato, nel 2005, dalla Anti Diffamation League.

Di che si tratta?

Da Wikypedia:

L’Anti-Defamation League (ADL, Lega Antidiffamazione), precedentemente nota come “Anti-Defamation League of B’nai B’rith”, è un’organizzazione non governativa internazionale ebraica con sede negli Stati Uniti d’America. Essa si definisce come “la principale agenzia nazionale relazionata ai diritti civili e ai diritti umani”; l’ADL afferma di “combattere l’antisemitismo e tutte le forme di pregiudizio, di difendere gli ideali democratici e di proteggere i diritti civili per tutti facendo informazione, producendo istruzione ed educazione, legislazione e patrocinio”. Fondata nell’ottobre del 1913 dall’ordine paramassonico di B’nai B’rith, organizzazione di assistenza e club di servizio ebraico statunitense, il suo scopo originario statutario fu quello di “fermare, per mezzo di appelli alla ragione e alla coscienza e, se necessario, rivolgendosi alla legge, la diffamazione nei confronti del popolo ebraico”. L’ADL, con il proprio quartier generale a New York, conta attualmente 29 succursali in tutto il territorio statunitense e 3 uffici in altri paesi.

2005: Erdogan premiato dalla ADL

2005: Erdogan premiato dalla ADL

 .

Nonostante questa apparenza di organizzazione difensiva e pacifica, la ADL è stata accusata da molti, fra i quali il famoso intellettuale Noam Chomsky, di non interessarsi affatto di diritti civili, ma di essere in realtà una potente lobby di appoggio alla politica criminale israeliana. Curiosità: la ADL è stata accusata anche di non aver riconosciuto il genocidio degli armeni; un fattore, questo che rende ancor più legati la ADL ed Erdogan.

LA COMPLICITA’ DEI MEDIA

La stretta alleanza di Erdogan con Israele e USA (la Turchia è anche parte decisiva nello schieramento NATO) è il motivo del sostanziale appoggio dei media verso Erdogan. Diversamente, la conversione di Santa Sofia in moschea avrebbe scatenato il putiferio per mesi. Invece, a fatica si è notato qualche titolo sulle prime pagine dei quotidiani: il maggiore quotidiano italiano, il “Corriere della Sera”, neanche quello.

La prima pagina del “Corriere della Sera” di sabato 11 luglio 2020: nessun accenno alla riconversione di Santa Sofia in moschea.

La prima pagina del “Corriere della Sera” di sabato 11 luglio 2020: nessun accenno alla riconversione di Santa Sofia in moschea.

.

 LA DENUNCIA E’ NECESSARIA

L’opera del terrorista guerrafondaio Erdogan è pericolosa per tutti.

Come ha già fatto e sta facendo in Siria e in Libia, per raggiungere il suo scopo, che prevede lo stravolgimento di tutti gli equilibri politico-economici del Mediterraneo e del Medio Oriente, non esita ad intervenire militarmente, provocando morte e caos in queste regioni.

Per accreditarsi come “sultano” dell’Islàm politico, e non, di tutto il pianeta, non esita ad eccitare in tutti i modi gli animi degli estremisti islamici di tutto il mondo, in maniera da separare e rendere sempre più nemico ed estraneo il mondo e la cultura musulmani rispetto a tutte le altre culture e a tutte le altre spiritualità.

E’ un progetto di caos, inimicizia ed estraneità fra i popoli. Quindi, tutte le donne e gli uomini di buona volontà, che credono in una unica umanità da difendere, hanno il dovere di denunciare e contrastare in tutti i modi possibili il terrorista guerrafondaio Erdogan.

Non è un problema dei turchi, è un problema di tutti, e dei musulmani innanzitutto, che devono essere in prima fila in questa lotta.

P. S. : LE PUNTATE PRECEDENTI

Ecco i link per chi vuole leggere le puntate precedenti di questa inchiesta.

1a puntata: IL RUOLO DELLA TURCHIA NEL PROGETTO MASSONICO PENTALPHIANO.

2a puntata: I CONFRATELLI MASSONI DI ERDOGAN.

3a puntata: L’ACCORDO CON ISRAELE E IL TRADIMENTO DELLA PALESTINA.

4a puntata: L’INVASIONE DELLA SIRIA E I RAPPORTI COI TERRORISTI.

5a puntata: LA LEADERSHIP DEL MONDO ISLAMICO E IL CASO KHASHOGGI.

6° puntata: ERDOGAN E L’ISIS.