“IL GIORNO CHE A BEIRUT MORIRONO I PANDA”

In un bel libro, scritto nel pieno dell’invasione sionista del Libano del 1982, l’unicità della multiculturale società musulmano-libanese

La copertina del libro “Il giorno che a Beirut morirono i panda”, Gamberetti Editrice, del 1993.

La copertina del libro “Il giorno che a Beirut morirono i panda”, Gamberetti Editrice, del 1993.

.

Era sempre più pericoloso rimanere a Beirut, e tutti cercavano di convincerla ad andarsene. Ma un giorno, all’ennesimo invito, rispose così:

“… Non era soltanto una città, era anche una federazione: ogni quartiere con la sua religione, la sua razza, il suo dialetto, o la sua lingua, i cibi e le feste: armeni, siriaci, drusi, sciiti, ortodossi, maroniti, ebrei, sunniti, palestinesi, curdi, circassi… Volete tutti salvarmi da Beirut, ma non è una malattia, e nonostante la guerra non si è imbarbarita. Anche la guerra, in questi sette anni, non è stata come quella che vedi adesso, che è fatta con gli aerei e con i carri armati, anche se ce li ha soltanto una parte. La guerra civile si è combattuta ad armi pari, tra nemici chi si conoscevano fin dall’infanzia. Ed è diventata anche un modo di vivere: da sette anni, ogni volta che ricominciano i combattimenti la gente fugge, ma dopo un po’ torna, anche i miliardari, che potrebbero restarsene sulla Costa Azzurra. E le madri si riportano indietro i figli. I giovani che hanno combattuto hanno scelto di farlo per la speranza di vincere. La vittoria in una guerra civile può essere capita e immaginata da chiunque, anche se è vero che tutti sbagliano i calcoli, e si perde il paese. In mezzo alle carneficine Beirut non è diventata cattiva. Qui non ci sono vecchi che muoiono soli: se non hai famiglia i vicini vengono a consolarti e curarti. Anche se sei straniero: durante i Ramadan ho trovato dolci davanti alla porta, e non ho mai saputo chi ce li abbia messi. Beirut è anche la città meno provinciale, dopo New York: vivi come vuoi, esci anche in camicia da notte; ho visto uomini nelle moschee pregare in vestaglia, ma non per sciatteria: erano belle vestaglie, anche con il fazzoletto al taschino. E’ che la forma qui non è astratta: l’importante è essere decenti”.

Ho ritrovato, un giorno che ripulivo e risistemavo la mia biblioteca, questo libro del 1993, che non avevo ancora letto. E ho potuto rivivere così avvenimenti che si verificavano proprio al culmine della mia esperienza politica giovanile.

Un bel libro, che nel finale tratteggia, in poche immagini, anche il terribile massacro di Sabra e Chatila, compiuto dalle milizie dei cristiani della Falange, appoggiati dall’esercito israeliano comandato da Ariel Sharon.

Un’immagine dell’orribile eccidio nei campi palestinesi di Sabra e Chatila.

Un’immagine dell’orribile eccidio nei campi palestinesi di Sabra e Chatila.

DAILY MUSLIM, IL QUOTIDIANO DEI MUSULMANI IN ITALIA

E una intervista al sottoscritto

Il logo del quotidiano on-line “Daily Muslim”.

Il logo del quotidiano on-line “Daily Muslim”.

.

CI VOLEVA

Segnaliamo ai nostri lettori una iniziativa originale e importante: il primo quotidiano online dedicato ai musulmani presenti in Italia.

E’ attivo dal novembre 2018. Si chiama “Daily Muslim – Il giornale dei musulmani d’Italia”.

Lo trovate cliccando qui.

Contiene notizie dall’Italia e dall’estero, e tutto quello che può interessare i musulmani che vivono in Italia: interviste, filmati, ecc.

Oltre alla Home Page, contiene cinque sezioni: Attualità, Cultura, Esteri, Politica, Sport.

.

Questa è una foto che introduce un articolo dedicato a una canzone sulla religione islamica, scritta da bambini musulmani italiani per i coetanei correligionari.

La foto che introduce l’articolo

Trovate qui un articolo dedicato a una canzone sulla religione islamica, scritta da bambini musulmani italiani per i coetanei correligionari.

.

Elezioni in Bangladesh, la premier Hasina

Elezioni in Bangladesh, la premier Hasina

Questo invece è un articolo sulle recenti elezioni in Bangladesh.

.

La foto del sottoscritto all’interno dell’intervista a “Daily Muslim”.

La foto del sottoscritto all’interno dell’intervista a “Daily Muslim”.

Recentemente, il giornale ha pubblicato una intervista al sottoscritto, che potete leggere qui.

.

Il quotidiano è autofinanziato dai redattori, dunque non riceve alcun finanziamento esterno.

Invitiamo tutti i musulmani a leggerlo regolarmente e a sostenerlo come più possono.

E preghiamo ALLAH che protegga e illumini questi nostri fratelli volenterosi.