All’ombra di Me

Abū Huràyrah – che Allah si compiaccia di lui – raccontò quanto segue: l’Apostolo di Allàh, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria, disse:

“Allàh l’Altissimo dirà nel Giorno del Giudizio: ‘Dove sono coloro che si amarono l’un l’altro per amore di Me? All’Ombra di ME vi metterò, oggi, in cui ombra non c’è, fuorché la Mia!’”[O come disse in arabo, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria].

Riferito da al-Bukhārī.

041

Maryam la prescelta

  • QUESTE SONO PAROLE D’IDDIO, Sura III – Ayàt 42-43:

وَإِذْ قَالَتْ الْمَلاَئِكَةُ يَا مَرْيَمُ إِنَّ اللَّهَ اصْطَفَاكِ وَطَهَّرَكِ وَاصْطَفَاكِ عَلَى نِسَاءِ الْعَالَمِينَ.42
يَا مَرْيَمُ اقْنُتِي لِرَبِّكِ وَاسْجُدِي وَارْكَعِي مَعَ الرَّاكِعِينَ.43

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    Gli Angeli dissero: “O Màryam (Maria), Allàh ti ha prescelto, ti ha fatto pura e ti ha innalzato su tutte le donne dell’universo.(42) O Màryam (Maria), sii sottomessa al tuo Signore e prosternati e inchinati con quelli che si inchinano!’’(43)

060

I dotati di intelletto

‘Ā‹ishah, che Allah si compiaccia di lei – raccontò: l’Apostolo di Allàh, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria, dopo avere recitato l’àyah: “È Lui che ha fatto scendere il Libro su di te. Esso contiene ayāt esplicite e ayāt poco chiare …” fino a: “… i soli a ricordarsene sempre sono i dotati di intelletto”, disse:

“Se vedi coloro che seguono le ayāt poco chiare sono coloro che Allah ha nominato in questa àyah quindi attenzione a loro”[O come disse in arabo, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria].

Lo ha registrato Muslim.

Nota
L’àyah è la numero 7 della sura Āl Imrān: :
“E’ Lui che ha fatto scendere il Libro su te. Esso contiene àyāt esplicite , che sono la Madre del Libro, e altre che si prestano a diverse interpretazioni. Coloro che hanno una malattia nel cuore, che cercano discordia e interpretazione, seguono quello che è allegorico, mentre solo Allah ne conosce il significato. Coloro che sono radicati nella scienza dicono: “Noi crediamo: tutto viene dal nostro Signore” . Ma i soli a ricordarsene sempre sono i dotati di intelletto”.

077

Un ammonitore

  • QUESTE SONO PAROLE D’IDDIO, Sura XXXIV – Ayah 46:

قُلْ إِنَّمَا أَعِظُكُمْ بِوَاحِدَةٍ أَنْ تَقُومُوا لِلَّهِ مَثْنَى وَفُرَادَى ثُمَّ تَتَفَكَّرُوا مَا بِصَاحِبِكُمْ مِنْ جِنَّةٍ إِنْ هُوَ إِلاَّ نَذِيرٌ لَكُمْ بَيْنَ يَدَيْ عَذَابٍ شَدِيدٍ.46

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    …Il vostro compagno non è un fuori di testa [posseduto da un ginn]! Egli altro non è che un ammonitore per voi, a fronte d’un castigo tremendo.(46)
  • Nota
    Una delle tecniche usate da coloro che non hanno nulla da opporre alla verità, per poterla oscurare agli occhi dei destinatari del messaggio, è quella di screditare il portatore del messaggio.

054

Due frasi

Abū Huràyrah – che Allah si compiaccia di lui – raccontò quanto segue: l’Apostolo di Allàh, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria, disse:

“Due brevi frasi che sono leggere sulla lingua [facili da pronunciare] sono, invece, pesanti sulla bilancia [delle opere buone nel giorno del Rendiconto] e sono amate dal Sommamente Misericordioso. Esse sono: ‘Sia esaltato Allah per mezzo della Sua Lode’ [subḥāna llāhi wa bi-ḥàmdi-Hi] e ‘Sia esaltato Allah il Sublime’! [subḥāna llāhi l-‘aẓīm]”. [O come disse in arabo, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria].

Registrato da al-Bayhaqī.

055

RAMADAN, MESE DELLA PAZIENZA

Nel nome di Allàh,
il Sommamente Misericordioso i
l Clementissimo.

Unicamente Allàh, l’Altissimo, ha titolo esclusivo per esser Destinatario di Lode. Soltanto a Lui, noi, suoi servi fedeli, la lode innalziamo. Soltanto di Lui, l’Onnipotente, nel bisogno invochiamo il soccorso. Soltanto a Lui, il Misericordioso il Clementissimo, va il nostro ringraziamento. Soltanto a Lui chiediamo protezione dalle nostre passioni e dalle nostre trasgressioni.

Continua a leggere

Il castigo del fuoco

  • QUESTE SONO PAROLE D’IDDIO, Sura XXXIV – Ayah 42:

فَالْيَوْمَ لاَ يَمْلِكُ بَعْضُكُمْ لِبَعْضٍ نَفْعًا وَلاَ ضَرًّا وَنَقُولُ لِلَّذِينَ ظَلَمُوا ذُوقُوا عَذَابَ النَّارِ الَّتِي كُنتُمْ بِهَا تُكَذِّبُون.42

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    Noi diremo ai trasgressori: “Gustate il castigo di quel fuoco, del quale smentivate l’esistenza!”(42)
  • Nota
    Allàh, il Maestoso, si esprime con il plurale di maestà per dire, nel Giorno del Giudizio, ai destinatari del messaggio di liberazione dell’uomo dal dominio dell’uomo – affidato con la missione apostolico-profetica a Muhàmmad, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria – i quali dicono che l’inferno non esiste: “Gustate il castigo di quel fuoco, del quale smentivate l’esistenza!”.

062

L’aloe e la collera

Bàhǧ bin Hakīm, che Allàh si compiaccia di lui, raccontò quanto segue: Ho saputo da mio padre, che lo aveva saputo da mio nonno, che l’Apostolo di Allàh, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria, disse:

“La collera distrugge la fede proprio come l’aloe toglie dolcezza al miele!”. [O come disse in arabo, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria].

Registrato da al-Bayhaqī.

073

La Missione

  • QUESTE SONO PAROLE D’IDDIO, Sura XXXIV – Ayah 28:

وَمَا أَرْسَلْنَاكَ إِلاَّ كَافَّةً لِلنَّاسِ بَشِيرًا وَنَذِيرًا وَلَكِنَّ أَكْثَرَ النَّاسِ لاَ يَعْلَمُونَ.28

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    Noi non ti abbiamo affidato la missione (di Profeta ed Apostolo), se non per tutti gli uomini, come annunciatore della buona novella e ammonitore, ma la maggior parte degli uomini non sanno.(28)
  • Nota
    Allàh, il Maestoso, si esprime con il plurale di maestà per assicurare che i destinatari del messaggio di liberazione dell’uomo dal dominio dell’uomo, affidato con la missione apostolico-profetica a Muhàmmad, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria, sono tutti gli uomini, è tutta l’umanità.

044

La collera e lo sdraiarsi

Abū Zàrr, che Allàh si compiaccia di lui, raccontò quanto segue. L’Apostolo di Allàh, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria, disse:

“Tutte le volte che uno di voi va in collera, si sieda. Se gli passa, bene! Se non gli passa si metta sdraiato!”. [O come disse in arabo, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria].

Registrato da Ahmad e aṭ-Ṭirmidhī.

057