Chi sguaina la spada

Sàlmah bin Akwa’, che Allàh si compiaccia di lui, ha detto quanto segue: L’Apostolo di Allàh, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria, ha detto:

“Chi sguaina la spada contro di noi non è dei nostri!”. [O come disse in arabo, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria].

Registrato da Muslim.

067

L’ordine cosmico

  • QUESTE SONO PAROLE D’IDDIO, Sura LIX – Ayah 1:

سَبَّحَ لِلَّهِ مَا فِي السَّمَاوَاتِ وَمَا فِي الأَرْضِ وَهُوَ الْعَزِيزُ الْحَكِيمُ.1

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    Tutto ciò che esiste nei cieli e nella terra proclama l’incondivisa divinità di Allàh! Egli è al-’azìz (il Possente), il Sapiente.(1)
  • Nota
    L’ordine cosmico delle realtà del creato, cioè l’universo nel suo tutto e in ogni sua parte, dalla mega-galassia alla particella sub-atomica, è una proclamazione silente dell’unità, unicità e uni-personalità di Allàh rifulga lo splendor della Sua Luce, il Creatore di tutto ciò che esiste e la testimonianza della Sua onnipotenza e della Sua sapienza.

072

Non è dei nostri

Abū Huràyrah, che Allàh si compiaccia di lui, ha detto quanto segue. L’Apostolo di Allàh, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria, ha detto:

“Chi punta un’arma contro noi, non è dei nostri!”. [O come disse in arabo, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria].

Registrato da Bukhārī.

071

Il Sublime Corano e importanza della recitazione di esso

Nel nome di Allàh,
il Sommamente Misericordioso i
l Clementissimo.

Unicamente Allàh, l’Altissimo, ha titolo esclusivo
per esser Destinatario di Lode.
Soltanto a Lui, noi, suoi servi fedeli,
la lode innalziamo.
Soltanto di Lui, l’Onnipotente,
nel bisogno invochiamo il soccorso.
Soltanto a Lui, il Misericordioso il Clementissimo,
va il nostro ringraziamento.
Soltanto a Lui chiediamo protezione dalle nostre passioni
e dalle nostre trasgressioni.

Continua a leggere

Mosè? Un gran bugiardo agli occhi di faraone

  • QUESTE SONO PAROLE D’IDDIO, Sura XL – Ayah 37:

أَسْبَابَ السَّمَاوَاتِ فَأَطَّلِعَ إِلَى إِلَهِ مُوسَى وَإِنِّي لَأَظُنُّهُ كَاذِبًا وَكَذَلِكَ زُيِّنَ لِفِرْعَوْنَ سُوءُ عَمَلِهِ وَصُدَّ عَنِ السَّبِيلِ وَمَا كَيْدُ فِرْعَوْنَ إِلاَّ فِي تَبَابٍ.37

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    Ma in verità io [Faraone] penso che egli [Mosé] sia un gran bugiardo. [seconda parte dell’àyah 37]
  • Nota
    È il destino di ogni portatore di un messaggio che denuncia la natura abominevole del dominio dell’uomo sull’uomo che fa l’uomo servo dell’uomo / creatura, condizione nella quale l’uomo ha il dovere di essere solo nei confronti di Allàh / Creatore.

070

Non puntare un’arma 2

Abū Huràyrah, che Allàh si compiaccia di lui, ha detto quanto segue. L’Apostolo di Allàh, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria, ha detto:

“Gli Angeli maledicono uno che punta un’arma verso suo fratello fino a quando non cessa di puntarla, anche se si tratta di un fratello figlio di sua madre e di suo padre!”. [O come disse in arabo, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria].

Registrato da Bukhārī.

 075

La piramide

  • QUESTE SONO PAROLE D’IDDIO, Sura XL – Ayah 36-37:

وَقَالَ فِرْعَوْنُ يَا هَامَانُ ابْنِ لِي صَرْحًا لَعَلِّي أَبْلُغُ الأَسْبَابَ.36
أَسْبَابَ السَّمَاوَاتِ فَأَطَّلِعَ إِلَى إِلَهِ مُوسَى وَإِنِّي لَأَظُنُّهُ كَاذِبًا وَكَذَلِكَ زُيِّنَ لِفِرْعَوْنَ سُوءُ عَمَلِهِ وَصُدَّ عَنِ السَّبِيلِ وَمَا كَيْدُ فِرْعَوْنَ إِلاَّ فِي تَبَابٍ.37

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    Disse Faraone: “O Hamān, erigimi una costruzione altissima! Raggiungerò le cause, (36) le cause per arrivare ai cieli, di modo che io possa raggiungere l’ilāh di Mūsā [prima parte dell’àyah 37]
  • Nota
    Il sigillo di Allàh, l’Altissimo, sul cuore di faraone, si manifesta nell’arroganza faraonica e nel delirio di onnipotenza di Faraone che chiede gli venga edificata una costruzione, che gli permetta di raggiungere Allàh, l’Altissimo [l’ilāh di Mūsā = il Dio di Mosé].

005

Non puntare un’arma

Abayrah, che Allàh si compiaccia di lui, raccontò che l’Apostolo di Allàh, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria , disse:

“Nessuno ha da puntare un’arma contro qualcuno, perché ignora se il diavolo possa impossessarsi della sua mano e gettarlo all’inferno!”. [O come disse in arabo, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria].

Registrato da ambedue i Luminari.

006

In odio ad Allàh e ai credenti

  • QUESTE SONO PAROLE D’IDDIO, Sura XL – Ayah 35:

الَّذِينَ يُجَادِلُونَ فِي آيَاتِ اللَّهِ بِغَيْرِ سُلْطَانٍ أَتَاهُمْ كَبُرَ مَقْتًا عِنْدَ اللَّهِ وَعِنْدَ الَّذِينَ آمَنُوا كَذَلِكَ يَطْبَعُ اللَّهُ عَلَى كُلِّ قَلْبِ مُتَكَبِّرٍ جَبَّارٍ.35

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    Coloro che fanno discussioni sui Segni di Allàh senza averne avuto l’autorità, sono in odio ad Allàh ed ai credenti. È così che Allàh pone il sigillo su tutti i cuori di arrogante e prepotente!(35)
  • Nota
    Il discutere sul Corano senza averne l’autorità è un assai brutto segno di destino infelice!

058

I miracoli del corano – 3

I mari diversi non si mischiano!

L'incontro tra il Mar Baltico e il Mar del Nord. Questa foto è stata postata da un non-musulmano sulla pagina Facebook di Shaykh 'Abdurrahman Rosario Pasquini. Chi la vuol visitare, vi troverà anche un breve video sullo stesso argomento.

L’incontro tra il Mar Baltico e il Mar del Nord. Questa foto è stata postata da un non-musulmano sulla pagina Facebook di Shaykh ‘Abdurrahman Rosario Pasquini. Chi la vuol visitare, vi troverà anche un breve video sullo stesso argomento.

 

Si tratta di un particolare fenomeno che avviene in Danimarca, dove c’ è una striscia di terra (Grenen) sulle cui spiagge si infrangono le onde del Mare del Nord e quelle del Mar Baltico.

Al largo della cittadina Skagen, l’incontro dei due mari che provengono da parti opposte, determina una lunga increspatura visibile nitidamente e perpendicolare all’orizzonte: su quel tratto di terra le onde lambiscono la sabbia arrivando sia da destra che da sinistra. La diversa colorazione dei due mari, sembra sia dovuta ad un diverso grado di salinità che impedisce anche alle acque di mescolarsi…Sinceramente mi sembra strano che due masse d’acqua non si mescolino”.

L’autore di questo commento è la stessa persona, non musulmana, che ha postato la foto di cui sopra sulla pagina Facebook di Shaykh ‘Abdurrahmàn Rosario Pasquini. Chi la visiterà, ci troverà anche un breve video. La foto in realtà è abbastanza eccezionale e dovuta a particolari condizioni ambientali, in quanto generalmente l’occhio umano non riesce a percepire la differenza tra due mari che s’incontrano, così come non riesce a percepire visivamente la divisione, all’estuario di un fiume, tra acqua dolce (del fiume), acqua salata (del mare) e la divisione tra di esse (zona di separazione).

Continua a leggere