La prova evidente

  • QUESTE SONO PAROLE D’IDDIO, Sura XX – Ayah 133:

وَقَالُوا لَوْلاَ يَأْتِينَا بِآيَةٍ مِنْ رَبِّهِ أَوَلَمْ تَأْتِهِمْ بَيِّنَةُ مَا فِي الصُّحُفِ الأُولَى.133

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    Non è forse giunta loro la prova evidente, di ciò che è nei Fogli precedenti?(133)
  • Nota
    La prova evidente è il Sublime Corano, nel quale c’è la conferma della Verità fondamentale dell’Uunità, Unicità e Uni-personalità di Allah, rifulga lo splendor della Sua Luce e del dovere della creatura di riservare il culto di adorazione unicamente al Creatore.

052

Il vertice è il Gihàd

Nel nome di Allàh,
il Sommamente Misericordioso i
l Clementissimo.

Unicamente Allàh, l’Altissimo, ha titolo esclusivo
per esser Destinatario di Lode.
Soltanto a Lui, noi, suoi servi fedeli,
la lode innalziamo.
Soltanto di Lui, l’Onnipotente,
nel bisogno invochiamo il soccorso.
Soltanto a Lui, il Misericordioso il Clementissimo,
va il nostro ringraziamento.
Soltanto a Lui chiediamo protezione dalle nostre passioni
e dalle nostre trasgressioni.

Continua a leggere

Anche se di minor importanza

‘À‹ishah (che Allàh sia compiaciuto di lei) raccontò. Un giorno l’Apostolo di Allàh, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria, disse:

“L’azione che, tra le azioni, è la più cara ad Allàh è quella compiuta di continuo, anche se di minor importanza!”. [O come disse in arabo, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria].

Lo hanno riferito concordemente i due Imām .

073

La timoratezza garanzia di buon esito

  • QUESTE SONO PAROLE D’IDDIO, Sura XX – Ayah 132:

وَأْمُرْ أَهْلَكَ بِالصَّلاَةِ وَاصْطَبِرْ عَلَيْهَا لاَ نَسْأَلُكَ رِزْقًا نَحْنُ نَرْزُقُكَ وَالْعَاقِبَةُ لِلتَّقْوَى.132 

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    Ordina alla tua famiglia l’adorazione quotidiana e persevera in essa. Noi non ti chiediamo sostentamento. Siamo Noi che provvediamo al tuo sostentamento! Il buon esito appartiene alla timoratezza (132).
  • È dovere del musulmano ordinare alla sua famiglia il rito dell’adorazione le cinque volte al giorno e ha da essere perseverante nell’adorazione, nella piena consapevolezza che Allàh, l’Altissimo, non ha assolutamente bisogno di essa. Allàh, l’Altissimo, non ha bisogno di sostentamento da parte della creatura, ma è Lui che provvede al sostentamento di tutte le sue creature; e l’esecuzione regolare del rito d’adorazione le cinque volte al giorno, in cui si esprime l’amore e il timore di Allàh, rifulga lo splendor della Sua Luce, è fonte di buon esisto, cioè, non senza il sussidio della misericordia di Allàh, è biglietto d’ingresso in Paradiso.

054

Eseguite il rito ad agio

Anas (che Allàh sia compiaciuto di lui) raccontò. Un giorno l’Apostolo di Allàh, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria, disse:

“Eseguite il rito ad agio, e quando siete stanchi, sedetevi!”. [O come disse in arabo, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria].

Lo hanno riferito concordemente i due Imām .

067

La provvista del Signore

  • QUESTE SONO PAROLE D’IDDIO, Sura XX – Ayah 131:

وَلاَ تَمُدَّنَّ عَيْنَيْكَ إِلَى مَا مَتَّعْنَا بِهِ أَزْوَاجًا مِنْهُمْ زَهْرَةَ الْحَيَاةِ الدُّنيَا لِنَفْتِنَهُمْ فِيهِ وَرِزْقُ رَبِّكَ خَيْرٌ وَأَبْقَى.131  

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    … la provvista del tuo Signore è migliore e più durevole. (131)
  • Nota
    Il Musulmano non deve lasciarsi incantare dalle gioie mondane dei diversamente credenti, poiché esse non sono nemmeno lontanamente paragonabili alle gioie del Paradiso e sono destinate a svanire, approntate dal Signore per i Suoi servi fedeli: gioie migliori e più durevoli.

070

Non createvi difficoltà

‘À‹ishah (che Allàh sia compiaciuto di lei) raccontò. Un giorno l’Apostolo di Allàh, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria disse:

“Non createvi difficoltà, perché Allàh non vi crea difficoltà, finché non siete voi a farlo!”. [O come disse in arabo, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria].

Lo hanno riferito concordemente i due Imām .

057

Pazienta a ciò che dicono

  • QUESTE SONO PAROLE D’IDDIO, Sura XX – Ayah 130:

فَاصْبِرْ عَلَى مَا يَقُولُونَ وَسَبِّحْ بِحَمْدِ رَبِّكَ قَبْلَ طُلُوعِ الشَّمْسِ وَقَبْلَ غُرُوبِهَا وَمِنْ آنَاءِ اللَّيْلِ فَسَبِّحْ وَأَطْرَافَ النَّهَارِ لَعَلَّكَ تَرْضَى.130 

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    Pazienta a ciò che dicono, e proclama con la lode di Lui la Divinità Incondivisa del tuo Signore, allo spuntare del sole e prima del suo tramonto, e proclama la Incondivisa Divinità (di Allàh) nelle ore della notte e alle estremità del giorno, sicché ne sia soddisfatto. (130)
  • Precetto Divino al Musulmano, quanto a comportamento da tenere a fronte a ciò che viene detto contro l’Islàm dai suoi nemici: esercitare la virtù della pazienza e dedicarsi alla Lode del Signore nella Sua Divina Unità, Unicità e Uni-Personalità alle ore indicate del giorno e della notte dal Signore di tutti gli Universi perché Egli sia soddisfatto della tua Lode.

022

La lunghezza del rito

Abū Huràyrah (che Allàh sia compiaciuto di lui) raccontò. Un giorno l’Apostolo di Allàh, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria, disse:

“Quando uno di voi fa l’imam di un rito di adorazione, non la faccia lunga, perché dietro lui ci può essere tra i fedeli un vecchio, un malato, un debole. Quando invece esegue il rito d’adorazione da solo può prolungarlo a suo piacimento”. [O come disse in arabo, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria].

Lo hanno riferito concordemente i due Imām .

071

Il dovere della Da’wah

Nel nome di Allàh,
il Sommamente Misericordioso i
l Clementissimo.

Unicamente Allàh, l’Altissimo, ha titolo esclusivo
per esser Destinatario di Lode.
Soltanto a Lui, noi, suoi servi fedeli,
la lode innalziamo.
Soltanto di Lui, l’Onnipotente,
nel bisogno invochiamo il soccorso.
Soltanto a Lui, il Misericordioso il Clementissimo,
va il nostro ringraziamento.
Soltanto a Lui chiediamo protezione dalle nostre passioni
e dalle nostre trasgressioni.

Continua a leggere