Il fumo, segno dell’imminenza del castigo per coloro che non hanno creduto

  • QUESTE SONO PAROLE D’IDDIO, Sura XLIV – Ayàt 9/14:

بَلْ هُمْ فِي شَكٍّ يَلْعَبُونَ.9
فَارْتَقِبْ يَوْمَ تَأْتِي السَّمَاءُ بِدُخَانٍ مُبِينٍ.10
يَغْشَى النَّاسَ هَذَا عَذَابٌ أَلِيمٌ.11
رَبَّنَا اكْشِفْ عَنَّا الْعَذَابَ إِنَّا مُؤْمِنُونَ.12
أَنَّى لَهُمُ الذِّكْرَى وَقَدْ جَاءَهُمْ رَسُولٌ مُبِينٌ.13
ثُمَّ تَوَلَّوْا عَنْهُ وَقَالُوا مُعَلَّمٌ مَجْنُونٌ.14

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    Eppure essi, in dubbio (riguardo alla resurrezione) si trastullano.(9) Ma tu sta’ bene in guardia da un giorno, nel quale il cielo porterà un dukhān (fumo) di color chiaro, (10) che avvolgerà gli uomini. Questo è un castigo doloroso. (11) Signor nostro, allontana da noi il castigo! In verità, noi siamo credenti. (12) A che gioverà loro, adesso, il Ricordo? Giunse loro un Apostolo chiaro, (13) ma loro gli voltarono le spalle, dicendo: “E’ un ammaestrato, toccato dai ginn!”(14).
  • Nota
    Alla fine del mondo un fumo chiaro avvolgerà gli uomini, segno dell’imminenza del castigo, per coloro che hanno dubitato della resurrezione. Allora, imploreranno, affinché il castigo non venga loro inflitto. La loro supplica sarà vana, dovevano pensarci prima, quando il Ricordo era giunto loro, invece di voltargli le spalle!

040

Siamo Musulmani

Nel nome di Allàh,
il Sommamente Misericordioso 
il Clementissimo

Unicamente Allàh, l’Altissimo, ha titolo esclusivo per essere Destinatario di Lode; e noi, suoi servi fedeli, soltanto a Lui la nostra lode innalziamo, solo di Lui, l’Altissimo Onnipotente, nel bisogno invochiamo il soccorso e solamente a Lui, il Misericordioso il Clementissimo, rivolgiamo il nostro ringraziamento; soltanto a Lui chiediamo protezione dalle nostre passioni e dalle trasgressioni nelle nostre azioni; soltanto a Lui, il Quale ama che Gli si chieda perdono, chiediamo perdono; a Lui chiediamo di guidarci sul retto sentiero; infatti solamente chi è guidato da Allàh cammina sul retto sentiero, che a Lui conduce, mentre per colui che Allàh non guida non troverai maestro in grado di portarlo sulla retta via.

Continua a leggere

È vostro obbligo ordinare il bene e proibire il male

Hudhàyfah (che Allàh sia compiaciuto di lui) raccontò. Disse un giorno l’Apostolo di Allàh, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria:

“Per Colui nelle cui mani è la mia vita, è vostro obbligo ordinare il bene e proibire il male! Se non lo fate, Allàh manderà, direttamente da Lui, sopra voi un castigo. Voi lo invocherete, ma non avrete risposta!”. [O come disse in arabo, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria].

Lo ha riferito Tirmìdhī .

043

Non c’è divinità tranne Allàh

  • QUESTE SONO PAROLE D’IDDIO, Sura XLIV – Ayah 8:

لاَ إِلَهَ إِلاَّ هُوَ يُحْيِ وَيُمِيتُ رَبُّكُمْ وَرَبُّ آبَائِكُمُ الأَوَّلِينَ.8

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    Non c’è divinità tranne Lui, il Quale dà la vita e dà la morte, il Signor vostro e il Signore dei vostri antichi padri(8) .
  • Nota
    Non c’è divinità tranne Allàh, unico titolare della qualità divina, dal quale dipendono, essendo Egli il Creatore di tutto ciò che esiste, la vita e la morte di ogni creatura vivente, ed essendo Egli il Creatore dell’uomo e di tutto ciò che uomo non è, Egli è il Signore degli uomini e il Padrone di tutto ciò che uomo non è.

036

Chi di voi veda una cosa sbagliata

Abū Sa’ īd al-Khudrī (che Allàh sia compiaciuto di lui) raccontò. Disse un giorno l’Apostolo di Allàh, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria:

“Chi di voi veda una cosa sbagliata in atto, la impedisca con la mano; se non può con la mano con la parola; se non può con la parola con il cuore, ma quest’ultima cosa è segno di grande debolezza della fede!”. [O come disse in arabo, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria].

Lo ha riferito Muslim.

053

Matrice Divina della Missione Apostolico-Profetica

  • QUESTE SONO PAROLE D’IDDIO, Sura XLIV – Ayah 5:

أَمْرًا مِنْ عِنْدِنَا إِنَّا كُنَّا مُرْسِلِينَ.5

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    In verità, i mandanti (della tua missione profetica) fummo Noi (5)
  • Nota
    L’Autore del Sublime Corano, usa il plurale di maestà, per comunicare che la predicazione di Muhàmmad, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria, è svolta nell’esercizio della missione apostolico-profetica, a lui affidata da Allàh, rifulga lo splendor della Sua Luce.

062

Tre volte

Anas (che Allàh sia compiaciuto di lui) raccontò che l’Apostolo di Allàh, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria, quando diceva qualcosa la ripeteva tre volte, fino a quando la cosa veniva appresa e quando si recava da qualcuno, era solito ripetere il saluto tre volte.

Lo ha riferito al-Bukhàri.

055

La notte del destino

  • QUESTE SONO PAROLE D’IDDIO, Sura XLIV – Ayah 3:

إِنَّا أَنزَلْنَاهُ فِي لَيْلَةٍ مُبَارَكَةٍ إِنَّا كُنَّا مُنذِرِينَ.3

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    In verità, lo facemmo scendere in una notte benedetta. In verità, Noi fummo Ammonitori (3).
  • Nota
    La “notte benedetta” è “làylatu-l-qàdr”, la Notte del Destino, nella quale è stato fatto scendere il Sublime Corano. L’Autore del Sublime Corano è Allàh, rifulga lo splendor della Sua Luce, è Lui per mezzo di esso ad ammonire gli uomini di non lasciarsi irretire dall’idolatria, sorella gemella del politeismo.

054

Ho udito dire

Abu Huràyrah (che Allàh sia compiaciuto di lui) raccontò. Disse un giorno l’Apostolo di Allàh, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria:

“All’uomo basta, per esser classificato menzognero, che dica quello che ha udito dire!”. [O come disse in arabo, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria].

Lo ha riferito Muslim.

053

Sono infedeli ad Allàh*

  • QUESTE SONO PAROLE D’IDDIO, Sura V – Ayàt 15-16-17:

يَا أَهْلَ الْكِتَابِ قَدْ جَاءَكُمْ رَسُولُنَا يُبَيِّنُ لَكُمْ كَثِيرًا مِمَّا كُنْتُمْ تُخْفُونَ مِنْ الْكِتَابِ وَيَعْفُو عَنْ كَثِيرٍ قَدْ جَاءَكُمْ مِنْ اللَّهِ نُورٌ وَكِتَابٌ مُبِينٌ.15
يَهْدِي بِهِ اللَّهُ مَنْ اتَّبَعَ رِضْوَانَهُ سُبُلَ السَّلاَمِ وَيُخْرِجُهُمْ مِنْ الظُّلُمَاتِ إِلَى النُّورِ بِإِذْنِهِ وَيَهْدِيهِمْ إِلَى صِرَاطٍ مُسْتَقِيمٍ. 16
لَقَدْ كَفَرَ الَّذِينَ قَالُوا إِنَّ اللَّهَ هُوَ الْمَسِيحُ ابْنُ مَرْيَمَ قُلْ فَمَنْ يَمْلِكُ مِنْ اللَّهِ شَيْئًا إِنْ أَرَادَ أَنْ يُهْلِكَ الْمَسِيحَ ابْنَ مَرْيَمَ وَأُمَّهُ وَمَنْ فِي الأَرْضِ جَمِيعًا وَلِلَّهِ مُلْكُ السَّمَاوَاتِ وَالأَرْضِ وَمَا بَيْنَهُمَا يخْلُقُ مَا يَشَاءُ وَاللَّهُ عَلَى كُلِّ شَيْءٍ قَدِيرٌ.17

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    Vi son giunti da parte di Allàh una luce e un Libro chiaro (15). Per mezzo di questo Libro Allàh guida, coloro che perseguono il Suo compiacimento sulle vie della Pace e li fa uscire dalle tenebre alla luce, con il Suo permesso, guidandoli a un retto sentiero (16). Sono infedeli (a Dio) coloro i quali affermano: “In Verità, Allàh è il Messia figlio di Maria!”(17)

072