Beatitudine Paradisiaca

  • QUESTE SONO PAROLE D’IDDIO, Sura XXXVII – Ayàt 44-49:

عَلَى سُرُرٍ مُتَقَابِلِينَ.44
يُطَافُ عَلَيْهِمْ بِكَأْسٍ مِنْ مَعِينٍ.45
بَيْضَاءَ لَذَّةٍ لِلشَّارِبِينَ.46
لاَ فِيهَا غَوْلٌ وَلاَ هُمْ عَنْهَا يُنزَفُونَ.47
وَعِنْدَهُمْ قَاصِرَاتُ الطَّرْفِ عِينٌ.48
كَأَنَّهُنَّ بَيْضٌ مَكْنُونٌ.49

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    Nei giardini del Na’īm (44), su comodi letti, gli uni davanti agli altri, staranno sdraiati (45). Si girerà tra loro con una coppa (ricolma) del ma’īn (46), di color bianco! Per i bevitori sarà una squisitezza, che non darà loro il mal di testa e non saranno ubriachi per effetto di esso (47). Vicino a loro donne dallo sguardo limitato e dagli occhi grandi e belli (48), come uova (esse saranno) ben protette (49)
  • Nota
    Un flash su alcuni aspetti della vita paradisiaca dei beati.

052

Khutba di Arafāt

Nel nome di Allàh,
il Sommamente Misericordioso i
l Clementissimo.

Unicamente Allàh, l’Altissimo, ha titolo esclusivo
per esser Destinatario di Lode.
Soltanto a Lui, noi, suoi servi fedeli,
la lode innalziamo.
Soltanto di Lui, l’Onnipotente,
nel bisogno invochiamo il soccorso.
Soltanto a Lui, il Misericordioso il Clementissimo,
va il nostro ringraziamento.
Soltanto a Lui chiediamo protezione dalle nostre passioni
e dalle nostre trasgressioni.

Continua a leggere

Il diavolo è come un lupo

Mu’ādh bin Giàbal (che Allàh si compiaccia di lui) raccontò. L’Apostolo di Allàh, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria, disse:

“Sappiate per certo che il diavolo è per l’uomo come un lupo in agguato, che aggredisce la pecora che se ne va solitaria lontana dal gregge e per vie diverse, perciò state lontano dalle cose ambigue e state uniti alla Comunità!”. [O come disse in arabo, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria].

Riferito da Ahmad.

067

La resa incondizionata

  • QUESTE SONO PAROLE D’IDDIO, Sura XXXVII – Ayah 27:

وَأَقْبَلَ بَعْضُهُمْ عَلَى بَعْضٍ يَتَسَاءَلُونَ.27

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    <<< No, essi, oggi, si arrenderanno incondizionatamente (ad Allàh) (27) >>>.
  • Nota
    Mentre su suggestione dei loro cattivi maestri – agnostici, atei, evoluzionisti, e in una parola, materialisti – come pure i credenti nella diverse fiabe dell’aldilà – tacciavano i credenti della paternità divina del Sublime Corano e nella missione apostolico-profetica di Muhàmmad, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria, di puerilità, quando erano in vita, nel giorno della sentenza inappellabile nei loro confronti, non potranno più negare e il loro credere sarà per loro inutile in quel momento.

066

Anche solo di una spanna

Abū Dhàrr (che Allàh si compiaccia di lui) raccontò. L’Apostolo di Allàh, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria, disse:

“Chiunque si allontana dalla comunità, anche solo di una spanna, è uscito dall’Islàm!”. [O come disse in arabo, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria].

Riferito da Ahmad, Abu Dawud.

063

L’adunata dei dannati

  • QUESTE SONO PAROLE D’IDDIO, Sura XXXVII – Ayah 22:

مِنْ دُونِ اللَّهِ فَاهْدُوهُمْ إِلَى صِرَاطِ الْجَحِيمِ.23
وَقِفُوهُمْ إِنَّهُمْ مَسْئُولُونَ.24

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    <<< Radunate coloro che trasgredirono, loro consorti, quello che adoravano (23), invece di Allàh, ed indicate loro la strada che porta al giahīm! (24) >>>.
  • Nota
    Gli angeli riceveranno l’ordine di fare l’adunata di tutti i trasgressori – agnostici, atei, evoluzionisti, e in una parola, ai materialisti – dei simulacri delle loro divinità fittizie, come pure dei credenti nella diverse fiabe dell’aldilà – e di indicare loro la strada che porta al fuoco infernale, per evitare di finire nel quale fu loro indicato ciò che dovevano credere e fare ai fini della loro salvezza da esso.

 062

Il giorno della sentenza senza appello

  • QUESTE SONO PAROLE D’IDDIO, Sura XXXVII – Ayah 22:

احْشُرُوا الَّذِينَ ظَلَمُوا وَأَزْوَاجَهُمْ وَمَا كَانُوا يَعْبُدُونَ.22

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    <<<Sì! Questo è proprio il giorno della sentenza senza appello, quel giorno di cui voi eravate soliti negare la verità>>>(22)
  • Nota
    Anche chi non ci crede, risorgerà! Anche chi si faceva beffa dei credenti nella resurrezione, agnostici, atei, evoluzionisti, e in una parola, i materialisti; e i credenti sulle diverse fiabe dell’aldilà, coloro che hanno negato la verità di quel giorno, dovranno prender atto della verità di quel giorno, in cui sarà pronunciata la sentenza senza appello.

066