Allah/Iddio non è padre

  • QUESTE SONO PAROLE D’IDDIO, Sura XVIII – Ayàt 1-5:

الْحَمْدُ لِلَّهِ الَّذِي أَنزَلَ عَلَى عَبْدِهِ الْكِتَابَ وَلَمْ يَجْعَلْ لَّهُ عِوَجَا.1
قَيِّمًا لِيُنذِرَ بَأْسًا شَدِيدًا مِنْ لَدُنْهُ وَيُبَشِّرَ الْمُؤْمِنِينَ الَّذِينَ يَعْمَلُونَ الصَّالِحَاتِ أَنَّ لَهُمْ أَجْرًا حَسَنًا.2
مَاكِثِينَ فِيهِ أَبَدًا.3
وَيُنذِرَ الَّذِينَ قَالُوا اتَّخَذَ اللَّهُ وَلَدًا.4
مَّا لَهُمْ بِهِ مِنْ عِلْمٍ وَلاَ ِلأَبَائِهِمْ كَبُرَتْ كَلِمَةً تَخْرُجُ مِنْ أَفْوَاهِهِمْ إِنْ يَقُولُونَ إِلاَّ كَذِبًا.5

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    La Lode appartiene ad Allàh, il Quale ha mandato dall’alto al Suo servo il Libro, senza mettervi giri di parole, (1) solido, per ammonire di una forte tribolazione – proveniente da presso di Lui [[[[ - e per dare ai credenti, i quali fanno le opere di bene, la buona novella, che essi avranno una buona ricompensa, (2) in cui staranno per l’eternità, (3) ed ammonire]]]] coloro, i quali dicono, che Allàh si è preso un figlio. (4) Essi non hanno conoscenza alcuna al riguardo di ciò, né (ce l’avevano) i loro padri. E’ una affermazione assurda e senza senso, che esce dalle loro bocche. Essi non dicono nient’altro che una menzogna. (5)
  • Nota
    Allàh, rifulga lo splendor della Sua Luce, è al di là da ogni ideazione e da ogni configurazione possibile da parte della mente umana, poiché la Sua realtà meta-fisica è inconoscibile, come più volte Egli rammenta anche altrove nel sublime Corano. L’essenza divina è indefinibile; essa comporta realtà che sfuggono del tutto alla capacità di esperienza della mente umana, quali Eternità, Unicità, Infinito, per cui l’immaginare una “paternità divina” significa avere della divinità [ Allàh ] una idea falsa, cioè non corrispondente a verità, e il predicarla significa diffondere una menzogna.

064

Al-Iḥsān del pellegrino

Nel nome di Allàh,
il Sommamente Misericordioso i
l Clementissimo.

Unicamente Allàh, l’Altissimo, ha titolo esclusivo
per esser Destinatario di Lode.
Soltanto a Lui, noi, suoi servi fedeli,
la lode innalziamo.
Soltanto di Lui, l’Onnipotente,
nel bisogno invochiamo il soccorso.
Soltanto a Lui, il Misericordioso il Clementissimo,
va il nostro ringraziamento.
Soltanto a Lui chiediamo protezione dalle nostre passioni
e dalle nostre trasgressioni.

Continua a leggere

Sette tipi di martirio

Giabir bin ‘Atīk (che Allàh si compiaccia di lui) raccontò. L’Apostolo di Allàh, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria, disse:

“Ci sono sette tipi di martirio, oltre a quello di uno che è ucciso per la Causa di Allàh: uno che muore per epidemia è martire; uno che muore per annegamento è martire; uno che muore di pleurite è martire; uno che muore di diarrea è martire; uno che muore a causa del fuoco è martire; uno che muore sotto le macerie è martire e la donna che muore di parto è martire!”. [O come disse in arabo, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria].

Riferito da Mālik, Abū Dawūd e Nisā‹ī.

057

Non è forse reale [questo fuoco infernale]?

  • QUESTE SONO PAROLE D’IDDIO, Sura XLVI – Ayah 34:

وَيَوْمَ يُعْرَضُ الَّذِينَ كَفَرُوا عَلَى النَّارِ أَلَيْسَ هَذَا بِالْحَقِّ قَالُوا بَلَى وَرَبِّنَا قَالَ فَذُوقُوا الْعَذَابَ بِمَا كُنْتُمْ تَكْفُرُونَ.34

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    Quando coloro, i quali rifiutano di credere, saranno presentati al fuoco (verrà chiesto loro): “Non è forse reale?”. “Sì! Per il nostro Signore!”(risponderanno essi). Allora dirà una voce: “Gustatelo, quindi, il castigo, per aver voi rifiutato di credere!”(34).
  • Nota
    In claris non fit interpretatio.

070

Il ventre e martirio

Sulaymān bin Ṣùrad (che Allàh si compiaccia di lui) raccontò. L’Apostolo di Allàh, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria, disse:

“Chi è ucciso dal suo ventre non sarà punito nella tomba!”. [O come disse in arabo, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria].

Riferito da Aḥmad e Tirmidhī.

057

I gradi della ricompensa e del castigo

  • QUESTE SONO PAROLE D’IDDIO, Sura XLVI – Ayah 19:

وَلِكُلٍّ دَرَجَاتٌ مِمَّا عَمِلُوا وَلِيُوَفِّيَهُمْ أَعْمَالَهُمْ وَهُمْ لاَ يُظْلَمُونَ.19

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    Per ognuno c’è un grado, in relazione a ciò che fecero; (Allàh) li ricompenserà per le loro azioni ed essi non riceveranno torto.(19)
  • Nota
    Nel Paradiso e nell’Inferno ci sono dei gradi nella ricompensa e nel castigo in relazione alla misura della loro obbedienza per i beati e della loro disobbedienza per i dannati; e a nessuno verrà fatto torto dalla Giustizia di Allàh, rifulga lo splendor della Sua Luce, nel Giorno del Giudizio.

066

La ricompensa del martire

‘Ā‹isha (che Allàh si compiaccia di lei) raccontò. Feci una domanda all’Apostolo di Allàh [ṣ] a proposito della morte per epidemia. L’Apostolo di Allàh, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria, disse:

“Si tratta di un castigo di Allàh che Egli manda a chi Egli ama, facendo di essa una benedizione per i credenti. E non c’è nessuno che rimanga in città, se scoppia un’epidemia, paziente, cercando la ricompensa e credendo che non ne sarà colpito, senza che per lui ci sia la ricompensa del martire!”. [O come disse in arabo, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria].

Riferito da Bukhārī.

067

La promessa di Allàh è verità

  • QUESTE SONO PAROLE D’IDDIO, Sura XLVI – Ayah 16:

أُوْلَئِكَ الَّذِينَ نَتَقَبَّلُ عَنْهُمْ أَحْسَنَ مَا عَمِلُوا وَنَتَجاوَزُ عَنْ سَيِّئَاتِهِمْ فِي أَصْحَابِ الْجَنَّةِ وَعْدَ الصِّدْقِ الَّذِي كَانُوا يُوعَدُونَ.16

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    Coloro, dei quali accogliamo il meglio di ciò che fanno e sulle cui cattive azioni sorvoliamo, sono compagni del giardino, per la promessa di verità che fu fatta loro. (16)
  • Nota
    Allàh, l’Altissimo ha promesso la beatitudine eterna a coloro che mettono in pratica scrupolosamente i Comandamenti del Sublime Corano e i Precetti del Profeta, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria, e nel giorno del giudizio, sorvolando sulle loro eventuali cattive azioni, accoglierà il meglio di ciò che fecero in vita e ciò perché la Sua promessa è verità ed Egli, rifulga lo splendor della Sua Luce, è Fedele alla promessa fatta da Lui, per cui essi sono i Compagni del Paradiso.

074

Cinque categorie di martiri

Abū Huràyrah (che Allàh si compiaccia di lui) raccontò. L’Apostolo di Allàh, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria, disse:

“Ci sono cinque categorie di martiri: chi muore per epidemia, di malattia dello stomaco, per annegamento, per crollo della casa, e, infine, colui che subisce il martirio per la causa di Allàh!”. [O come disse in arabo, che Allàh lo benedica e l’abbia in gloria].

Riferito da Bukhārī e Muslim.

061

Il rispetto dei genitori

  • QUESTE SONO PAROLE D’IDDIO, Sura XLVI – Ayah 15:

وَوَصَّيْنَا الإِنسَانَ بِوَالِدَيْهِ إِحْسَانًا حَمَلَتْهُ أُمُّهُ كُرْهًا وَوَضَعَتْهُ كُرْهًا وَحَمْلُهُ وَفِصَالُهُ ثَلاَثُونَ شَهْرًا حَتَّى إِذَا بَلَغَ أَشُدَّهُ وَبَلَغَ أَرْبَعِينَ سَنَةً قَالَ رَبِّ أَوْزِعْنِي أَنْ أَشْكُرَ نِعْمَتَكَ الَّتِي أَنْعَمْتَ عَلَيَّ وَعَلَى وَالِدَيَّ وَأَنْ أَعْمَلَ صَالِحًا تَرْضَاهُ وَأَصْلِحْ لِي فِي ذُرِّيَّتِي إِنِّي تُبْتُ إِلَيْكَ وَإِنِّي مِنَ الْمُسْلِمِينَ.15

  • QUESTO IL LORO SIGNIFICATO:
    Abbiamo raccomandato all’uomo il buon comportamento verso i suoi due genitori; lo portò in grembo sua madre con disagio e la gravidanza e l’allattamento durarono trenta mesi. Così egli, quando avrà raggiunto la maturità e l’età di quaranta anni, dirà: “Signor mio, concedimi di esser riconoscente, per la tua grazia, quella che Tu che hai effuso su di me e sui miei due genitori, e di operare il bene, di cui ti compiaci! Trattami bene, inoltre, nella mia discendenza! In verità, io mi volgo a Te e, in verità, io sono uno dei Musulmani. (15)
  • Nota
    In questa àyah benedetta l’onorare la madre e il padre è oggetto di una raccomandazione divina che, sottolineando il gravoso compito della funzione materna, implicitamente, privilegia la madre, come destinataria delle attenzioni del figlio, imponendo a lui il dovere della sua obbedienza a lei.

070